Tutto quello che devi sapere sulle fasi di guarigione dei tatuaggi

Se sei come me, la cultura pop ti ha reso familiare sia il processo di tatuaggio che il prodotto finale, ma non tanto quello che succede nel mezzo. Quanto tempo impiega un tatuaggio a guarire? Il processo di guarigione è doloroso? E quali sono i segni che un tatuaggio non sta guarendo bene? Come dermatologo, posso dirvi che queste sono domande perfettamente normali da avere. Quindi, mi sono seduta con la mia collega certificata Dr. Liza A. Moore e il tatuatore Adam Makharita per demistificare il processo di guarigione dei tatuaggi.

Incontra l’esperto

  • La dottoressa Liza A. Moore è una dermatologa specializzata in dermatologia estetica. La sua vasta gamma di competenze comprende iniezioni, laser, peeling, PRP e altro ancora.
  • Adam Makharita è un tatuatore di New York City, specializzato in disegni grafici e realistici.

Fasi di guarigione del tatuaggio

Un normale tatuaggio in via di guarigione passerà attraverso tre fasi generali di guarigione, che sono dettagliate come segue:

Giorni 1-3: Infiammazione

È normale che un tatuaggio sia rosso, gonfio e tenero per le prime 48-72 ore. Ci può anche essere qualche trasudazione di sangue e/o inchiostro durante questo periodo di tempo. Adam nota che questi sintomi dovrebbero migliorare significativamente ogni giorno. I sintomi prolungati dovrebbero essere valutati dal tuo tatuatore e/o da un medico.

Giorni: 4-14: Recupero visibile

Come il processo di guarigione continua, lo strato superiore della pelle si sbuccia, si sfalda, si incrosta e prude – simile alla risposta che il corpo fa quando si riprende da una scottatura. Questo è un processo di recupero normale e sano. Evita di graffiare, sfregare, raccogliere le croste e rimuovere fisicamente la pelle che si stacca. Fare queste cose causerà solo più lesioni e prolungherà il periodo di recupero.

Giorni 14-30: Recupero invisibile

I segni visibili di cui sopra sono tipicamente risolti entro la terza settimana post-procedura, tuttavia il tatuaggio rimarrà probabilmente opaco e scuro fino a circa un mese dopo la procedura di tatuaggio. Al segno di un mese, il tatuaggio ha assunto il suo colore vibrante permanente. Il rimodellamento della pelle sotto il tatuaggio continuerà per 3-6 mesi.

Quanto tempo impiegano i tatuaggi a guarire?

In generale, ci vuole circa un mese dal momento del tatuaggio perché un tatuaggio assuma la sua forma permanente in un individuo giovane e sano. Tuttavia, questi fattori possono influenzare il tempo di guarigione:

I tatuaggi con aree di colore più saturo possono richiedere leggermente più tempo per guarire. Adam spiega che il pigmento saturo richiede più punture d’ago per depositare l’inchiostro rispetto ai tatuaggi più fini. Questo crea una risposta infiammatoria maggiore che richiede una fase di recupero più lunga.

Per tutte le cose, le ferite sotto il livello del cuore guariscono più lentamente. Questo significa che un tatuaggio alla caviglia richiederà probabilmente più tempo per guarire rispetto a un tatuaggio delle stesse dimensioni sul braccio.

Aquaphor Healing OintmentAdvanced Therapy$10

Shop

Tattoo Healing Tips

I due esperti hanno istruzioni post-cura leggermente diverse, ma il nucleo della loro routine è lo stesso. Il corpo è in grado di guarire la ferita, purché non lo si ostacoli. Adam sottolinea che il miglioramento dovrebbe avvenire ogni giorno. La mancanza di un miglioramento quotidiano può essere un segno di ritardata guarigione della ferita o di infezione.

  1. Usa un bendaggio traspirante la prima settimana: Poiché i tatuaggi creano aperture nella pelle che permettono l’ingresso di batteri, il Dr. Moore raccomanda di coprire il tatuaggio con un bendaggio aderente e traspirante, come Derm Shield, per la prima settimana. Queste bende proteggono la ferita dall’infezione mentre le permettono di respirare. Raccomanda di lavare la pelle con acqua e sapone delicato e riapplicare il bendaggio ogni giorno per la prima settimana. Dopo la prima settimana, il bendaggio può essere rimosso perché le aperture nella pelle si sono chiuse. Tuttavia, è importante continuare ad applicare una pomata, come aquaphor, al tatuaggio fino a quando tutti i segni di guarigione si sono risolti.
  2. Pulire con sapone antibatterico: Adam applica una benda traspirante subito dopo il tatuaggio e preferisce che i clienti lascino questa medicazione iniziale per tre giorni. Dopo aver rimosso il bendaggio traspirante, Adam raccomanda di pulirsi con un sapone antibatterico due volte al giorno: Dopo aver tolto il bendaggio traspirante e aver pulito con il sapone antibatterico due volte al giorno per circa tre giorni, Adam raccomanda di spalmare l’area con Aquaphor ogni giorno. Dopo la prima settimana, raccomanda ai clienti di passare alla pulizia quotidiana e all’applicazione di una lozione delicata e senza profumo, come Eucerin.

The Takeaway

Il processo di guarigione del tatuaggio è abbastanza semplice. Gonfiore, dolore e trasudamento si risolvono tipicamente entro il terzo giorno e sono seguiti da prurito e peeling per un’altra settimana. Aspettati che il tuo tatuaggio abbia un aspetto più scuro e opaco del previsto per il primo mese. Segui il corso appropriato di cura dal tuo dermatologo e/o tatuatore, in quanto una cura adeguata ti protegge dalle infezioni e crea un risultato migliore del tatuaggio.

Sì, i tatuaggi glow-in-the-dark esistono: ecco cosa devi sapere