Taste Test: Il miglior pollo congelato Nuggets

20140122-taste-test-nuggets-overhead-primary.jpg

Quando cresci in una famiglia come la mia – pensa al pane integrale, ogni pasto fatto da zero, nessun cereale zuccherato, nemmeno una visita al fast food in vista – non è che vai in giro pensando a te stesso, caspita, sono un ragazzo fortunato i cui genitori si stanno saggiamente assicurando che io sviluppi eccellenti abitudini alimentari che mi dureranno per tutta la vita. No, no. Cerchi di scambiare i tuoi bastoncini di sedano con i Dunkaroo (solo che nessuno ci casca), fai i capricci davanti all’espositore dei Lunchables al supermercato (solo che nessuno ci casca), e sviluppi un’allarmante abitudine di mangiare di nascosto cucchiai di miele intinto nello zucchero (solo che… non ti senti così bene). Ma poi il genio colpisce e cominci a scroccare abbastanza spiccioli per infilarti da McDonald’s mentre torni a casa da scuola per qualche McNuggets di pollo a 99 centesimi. E poi lo fai ancora e ancora fino all’eternità.

Morale della storia? Qualsiasi bambino sano di mente svilupperà un’ossessione folle per le crocchette di pollo, e non c’è niente che nessuno possa fare per fermarci. Perché, vi chiederete? La risposta è semplice: le crocchette di pollo sono la merda. Le ginocchia dell’ape. L’intersezione definitiva tra una carne delicata e tenera e una croccantezza unta e salata.

Prova del gusto delle crocchette di pollo surgelate

Purtroppo, le crocchette di pollo sembrano aver subito una crisi di pubbliche relazioni negli ultimi anni. E se vi siete mai fermati prima di mangiarne una per chiedervi cosa ci sia in realtà in queste cose, allora ne siete la prova vivente. Non è colpa vostra – chiunque abbia visto il fallimento delle crocchette di pollo di Jamie Oliver, ampiamente pubblicizzato, in cui dimostra la presunta produzione di polpette di pollo commerciali, è probabilmente andato via con due impressioni. La prima è che la vostra pepita di pollo media è fatta di carne separata meccanicamente; la seconda è che i bambini vorranno comunque mangiarla, non importa di cosa sia fatta. Ecco la buona notizia: solo la seconda è vera (inoltre, ve l’avevo detto!).

Gli scettici delle crocchette di pollo là fuori, per favore, si siedano. È il momento di un intervento. Parlando seriamente: quei polli hanno condotto le vite più felici e appaganti? No, quasi sicuramente no. Ma le loro carcasse non sono state nemmeno ridotte in poltiglia e poi filtrate meccanicamente in bocconcini a forma di pepita per il vostro piacere culinario.* Naturalmente, la “bava rosa”, la roba della leggenda della carne misteriosa alla R. L. Stine e Richard Fleischer, esiste davvero. Nei vostri hotdog e nella mortadella, cioè – in realtà è altamente improbabile che troviate un po’ di questa melma color neon in una crocchetta di pollo da supermercato.

*O, nella remota possibilità che ci fosse, avete una buona possibilità di starne alla larga, grazie al linguaggio richiesto dall’USDA sulla confezione – tutti i prodotti contenenti carne separata meccanicamente devono dirlo esplicitamente nella lista degli ingredienti.

Cos’è dunque nella vostra crocchetta di pollo? I dettagli, naturalmente, dipendono da chi li produce, ma molti surgelati contengono poco più che carne di pollo, acqua, sale e farina. Infatti, delle nove marche che abbiamo assaggiato, quasi tutte contenevano più additivi nell’impanatura che nella polpetta stessa. Quindi, mito dispensato (più o meno? *). Quindi passiamo alle vere domande! Qual è la migliore pepita di pollo surgelata e quale può essere all’altezza delle versioni da fast food che conosciamo e amiamo?

*Siamo onesti: se stai cercando di trovare la migliore pepita di pollo surgelata sul mercato, è probabile che tu non sia un fanatico degli additivi.

I contendenti

20140122-nugget-grid-small2.jpg

Clicca qui per ingrandire l’immagine.

Abbiamo assaggiato nove diverse marche di crocchette di pollo congelate, limitando la nostra selezione ai prodotti disponibili a livello nazionale esplicitamente etichettati come crocchette di pollo. Sfortunatamente, non siamo stati in grado di acquistarne una, la Pilgrim’s, a New York City.

  • Applegate Naturals Chicken Nuggets
  • Banquet Chicken Breast Nuggets
  • Perdue Chicken Breast Nuggets
  • Trader Joe’s Chicken Drummellas
  • Tyson Chicken Nuggets
  • Weaver Chicken Nuggets
  • Earth’s Best Kidz Baked Chicken Nuggets
  • Fast Fixin Jumbo ‘Nugget-Shaped’ Popcorn Chicken
  • Bell & Evans Breaded Chicken Breast Nuggets

I criteri

Cosa rende una grande pepita di pollo? Ci piace una polpetta soda ma umida con un bel morso succoso e dal sapore di pollo. E quando si tratta di impanatura, si tratta di quella crosta croccante, leggermente rosolata, salata e pepata che – ed ecco il trucco cruciale – aderisce saldamente al pollo. Grasso, ma non troppo grasso, salato ma non troppo salato, tenero ma non troppo tenero; dovrebbe camminare orgogliosamente su quella corda tesa meglio conosciuta come finger-licking-good.

Agli assaggiatori è stato chiesto di dare un punteggio alla qualità complessiva di ogni marchio su una scala da uno a dieci, con valutazioni aggiuntive per l’umidità del pollo e la croccantezza e integrità dell’impanatura. I partecipanti hanno anche lasciato commenti scritti dettagliati sul sapore e la consistenza di ogni prodotto per un’analisi qualitativa.

20140116-nugget-taste-test-oven.jpg

Abbiamo preparato i nuggets secondo le loro istruzioni per il forno per il massimo potenziale di doratura, assaggiandoli in due lotti per garantire che tutti fossero valutati a temperature relativamente comparabili. Ketchup e senape erano a portata di mano per l’intingolo, anche se molti hanno scelto di provare i loro nuggets semplici.

I risultati

20140122-taste-test-nuggets-results-chart.jpg20140122-taste-test-nuggets-results-chart.jpg

E’ stata tutt’altro che una gara serrata, con Bell & Evans che ha ottenuto due punti in più di qualsiasi altra marca. È interessante notare che l’umidità del pollo ha avuto una correlazione relativamente bassa con la valutazione complessiva della pepita – dove avevamo previsto un’abbondanza di pollo essiccato, abbiamo invece trovato un certo numero di casi in cui l’eccesso di umidità ha spinto le pepite in un territorio molliccio (anche squishy); un lontano grido dalla succosità che stavamo cercando. Anche le liste degli ingredienti hanno giocato un ruolo limitato nelle nostre scoperte, con prodotti chimici e pieni di additivi uniformemente intervallati dalle marche più “naturali”.

I degustatori sembravano inclini a giudicare il sapore piuttosto generosamente – le lamentele di insipidezza erano comuni ma avevano poco effetto sulle valutazioni effettive. La consistenza è stata il vero tallone d’Achille per la maggior parte delle nostre marche di basso livello, molte delle quali hanno sofferto di una spugnosità sgradevole (…supponendo che esista una cosa come la spugnosità sgradevole).

N.B. Il costo è stato determinato dai prezzi dei supermercati locali di NYC e varierà a seconda della località, del distributore e delle dimensioni della confezione.

Bell & Evans (7.3/10)

20140122-taste-test-nuggets-bell-and-evans.jpg

Anche se questi nuggets sono usciti dal forno con un aspetto pallido e unto, o nelle parole di un assaggiatore, “profondamente inquietante”, sono stati i preferiti da tutti. Avevano anche un grande vantaggio sulla concorrenza, grazie a un piccolo segreto conosciuto come il confezionamento di pezzi interi e crudi di pollo impanato congelato e il loro nome “nuggets”.

Con veri pezzi di pollo, che cuocevano per quasi 30 minuti nel forno (a 10-15 per le altre marche), i concorrenti non avevano alcuna possibilità. Da qui le esclamazioni: “Finalmente, vero pollo!” e “È davvero pollo!” e “Grande! Ha il sapore del cibo vero!”. (E il mio preferito: “L’unico che non mi ha fatto sentire come se stessi mangiando cibo spaziale”). L’unica lamentela consistente è stata l’impanatura, che – nonostante il tempo di cottura più lungo – è rimasta pallida e si è dimostrata troppo unta e rada per la maggior parte degli assaggiatori.

Alas, come il Bell & Evans nuggets sarebbe classificato accanto ad altri prodotti etichettati come pezzi di petto impanato rimane un mistero che siamo purtroppo rassegnati ad affrontare un altro giorno.

Costo: $8.49/12 oz.
Ingredienti: Carne di petto di pollo, acqua, sale. Impanatura: Farina di grano tenero, acqua, sale, succo di canna evaporato, lievito secco, spezie, paprika. Flash fritto in olio di soia per impostare l’impanatura.

Tyson (5.2/10)

20140122-taste-test-nuggets-tyson.jpg

Si scopre che anche i ricordi di gusto più discutibili sono potenti. Non uno ma due partecipanti hanno paragonato favorevolmente queste pepite al cibo della mensa, mentre altri hanno celebrato la croccantezza dell’impanatura e la consistenza “elastica” e “rimbalzante” del patty. Se qualcosa, Tyson sembrava beneficiare di più dalla nostra indifferenza collettiva; il pollo è stato giudicato insipido e un po’ artificiale degustazione, ma in definitiva un più che adeguato nugget fix.

Costo: $4.39/32 oz.
Ingredienti: Pollo, acqua, sale, aroma naturale. Impanatura: Farina di frumento, acqua, amido di frumento, farina bianca integrale, sale, farina di mais giallo, amido di mais, cipolla secca, aglio secco, lievito secco, zucchero di canna, paprika e spezie.

Fast Fixin’ (4.9/10)

20140122-taste-test-nuggets-fast-fixin.jpg

Questa marca ha ottenuto il maggior numero di paragoni con il fast food, paragonato al pollo popcorn di Popeye e ai McNuggets (forse grazie agli effetti legati al MSG della proteina di soia idrolizzata infilata nella lista degli ingredienti). Molti assaggiatori sono stati soddisfatti della dimensione compatta, dipping-friendly e dell’impanatura di qualità, che è stata complimentata per il suo sapore pepato, “dolce e piccante” e la decente croccantezza. “Una buona consistenza soda” ma “non proprio da pollo” sembra essere il consenso, anche se un certo numero di partecipanti ha tolto punti per la secchezza.

Costo: $5.29/20 oz.
Ingredienti: Petto di pollo con carne di costola, acqua, proteina di grano testurizzata, proteina di soia isolata, 2% o meno di amido di mais modificato, carragenina, proteina di soia idrolizzata, sale, aroma, fosfati di sodio, lecitina. Impanatura: Fiore di grano sbiancato, acqua, farina di grano, aroma, sale, 2% o meno di amido di grano, latticello, siero di latte, cloruro di potassio, pirofosfato acido di sodio, bicarbonato di sodio, amido di mais, fosfato monocalcico, destrosio, paprika.

Banquet (4.5/10)

20140122-taste-test-nuggets-banquet.jpg

“Strano” è stato il tema dominante qui. Molti hanno notato qualcosa di insolito nell’impanatura croccante “un po’ dura”, un “interessante sapore ‘diverso’ che si rivela lentamente”. Il pollo, d’altra parte, era notevolmente “opaco” se umido, o, nelle parole di un commentatore, “così morbido!” Basti dire che la sua valutazione più positiva è stata che “la sua mancanza di sostanza non lo rende totalmente ripugnante.”

Costo: $5.99/24 oz.
Ingredienti: Pollo, acqua. Impanatore: Farina di frumento, sale, destrosio, spezie, olio di soia, lievito, estrattivi di paprika. Pastella: Acqua, farina di mais giallo, amido di mais, destrosio, sale, spezie, zucchero, estratto di lievito, amido alimentare modificato, aglio in polvere, gomma di guar, lievito, farina di soia testurizzata, farina di soia, 2% o meno di proteine di soia isolate, sale, aromi, tripolifosfato di sodio, estratto di lievito autolisato, destrosio. Fritto in olio vegetale con BHT.

Applegate (4.3/10)

20140122-taste-test-nuggets-applegate.jpg

Gli assaggiatori erano veramente combattuti su Applegate, e mentre molti gli hanno dato voti medio-alti, sono stati alcuni bassi estremi ad abbassarne la media. I sostenitori hanno suggerito che aveva un sapore “simile al pollo vero” e hanno osservato che era “più sodo, il che è bello”. Una persona ha elaborato, spiegando che “mentre è in qualche modo una delle pepite più deboli finora, potrebbe paradossalmente essere la più compulsivamente commestibile. Il sapore è medio-vero finger food”.

Ma a chi non è piaciuto davvero non è piaciuto, riferendosi ad esso come spugnoso e inquietantemente granuloso e incolore.

Costo: $7.99/8 oz.
Ingredienti: Pollo, acqua. Meno del 2% di amido di mais, sale, aroma naturale (origano). Pastella: Acqua, farina di grano, amido di mais, farina di mais giallo, sale. Impanatura: Farina di frumento, zucchero, lievito, olio di soia, sale. Impanatura in olio vegetale.

Perdue (3.7/10)

20140122-taste-test-nuggets-perdue.jpg

Perdue ha fatto emergere alcune serie differenze nella filosofia dei nostri assaggiatori. Alcuni sono rimasti enfaticamente colpiti, esclamando “condimento molto gustoso”, “sapore distinto e pepato” e “finalmente un po’ di sapore! Ma altri si sono concentrati sulla polpetta, che è stata alternativamente definita “molliccia”, “viscida” e “pastosa”. Se sei un fan dell’impanatura stagionata, questa potrebbe essere la pepita per te, ma se sei facilmente spento dalla consistenza, potresti voler stare alla larga.

Costo: $8.99/29 oz.
Ingredienti: Petto di pollo disossato con carne di costola, acqua. Contiene meno del 2% di maltodestrina, sale, aromi naturali, estratto di lievito. Impanatura Farina di frumento, acqua, farina di mais giallo, amido di mais, destrosio, sale, zucchero, aromi naturali, lievito. Contiene meno del 2% di estrattivi naturali di paprika, gomma di guar.

Weaver (3.6/10)

20140122-taste-test-nuggets-weaver.jpg

Gli assaggiatori erano unanimemente sorpresi dalla consistenza delle pepite di Weaver, e molti sembravano più inclini a fare domande che a rispondere. Perché, i nostri commentatori volevano sapere, “l’impanatura è così molle?”; “è come una spugna?!”; “ha un sapore sospetto di pesce?” Questo marchio è risultato inferiore in tutte e tre le categorie.

Costo: $6.99/28 oz.
Ingredienti: Pollo, condimento (proteine di soia idrolizzate, sale, spezie), fosfato di sodio. Impanatura: Farina di grano sbiancata, acqua, sale, farina di mais giallo, zucchero, lievito, olio di soia, destrosio, spezie, gomma di guar, paprika oleoresina, annatto. Fritto con olio vegetale.

Trader Joe’s (3.5/10)

20140122-taste-test-nuggets-trader-joes.jpg

Mentre la carne era secca, c’era una notevole umidità che circondava le pepite. Ha detto un commentatore: “Ci sono dei succhi, ma non sembrano provenire dalla carne, che è piuttosto secca e granulosa”. Tra le descrizioni più affascinanti che sono emerse qui hanno paragonato le Drummellas di Trader Joe a “polpa di carta masticata” e “legno bagnato”. Non c’erano fan di queste pepite tra i nostri assaggiatori.

Costo: $3.79/16 oz.
Ingredienti: Carne bianca di pollo, acqua, farina integrale, amido di mais. Contiene il 2% o meno di: Maltodestrina, sale marino, olio di girasole, panna (latte), farina di riso, pollo cotto, grasso di pollo, lievito, colore caramello, farina di orzo maltato, spezie, aromi naturali, lecitina di soia. Impanatura in olio vegetale.

Earth’s Best (3.3/10)

20140122-taste-test-nuggets-earths-best.jpg

Un altro caso di numeri divisi mette in discussione questa classifica: alcuni assaggiatori non sembravano convinti che Earth’s Best includesse davvero il pollo, paragonando il suo sapore a “falso ‘pollo’ vegano” e riferendosi alla consistenza come “molliccia e pastosa”. Ma altri hanno sottolineato il suo “sapore davvero buono”, la “consistenza giusta”, il “bel sapore dolce-piccante” e la “buona mollica grossolana”. Alla fine della giornata, però, c’era un’abbondanza di voti bassi che ha mandato questo marchio in fondo alla nostra lista.

Costo: $8.99/16 oz.
Ingredienti: Carne di pollo, acqua. Contiene il 2% o meno di sciroppo di canna evaporato, aglio in polvere, cipolla in polvere, amido di riso, sale marino, spezie. Pastella e impanatura: farina integrale, acqua, farina di frumento, amido di mais, sciroppo di mais evaporato, sale marino, lievitazione, aglio in polvere, farina di mais giallo, lievito, cipolla in polvere, spezie, olio di girasole, estrattivo di curcuma. Impanatura impostata in olio di canola e/o olio di soia e/o olio di cartamo spremuti ad elica.

La nostra metodologia di degustazione: Tutti i test di assaggio sono condotti completamente alla cieca e senza discussioni. Gli assaggiatori assaggiano i campioni in ordine casuale. Per esempio, l’assaggiatore A può assaggiare prima il campione 1, mentre l’assaggiatore B assaggerà prima il campione 6. Questo per evitare che l’affaticamento del palato dia ingiustamente un vantaggio a qualsiasi campione. Agli assaggiatori viene chiesto di compilare dei fogli di degustazione che classificano i campioni in base a vari criteri che variano da campione a campione. Tutti i dati sono tabulati e i risultati sono calcolati senza alcun input editoriale al fine di darci la rappresentazione più imparziale possibile dei risultati reali.

Tutti i prodotti collegati qui sono stati selezionati in modo indipendente dai nostri redattori. Potremmo guadagnare una commissione sugli acquisti, come descritto nella nostra politica di affiliazione.