Sexual Assault / Abuse

Pittura astratta nei toni dell'arancione e del giallo

L’abuso sessuale è qualsiasi forma di violenza sessuale, incluso lo stupro, le molestie ai bambini, l’incesto e forme simili di contatto sessuale non consensuale. La maggior parte degli esperti di abusi sessuali concordano sul fatto che l’abuso sessuale non riguarda mai solo il sesso. Invece, è spesso un tentativo di ottenere potere sugli altri.

L’assistenza immediata in caso di crisi dopo un’aggressione sessuale può rivelarsi preziosa e persino salvare delle vite. Una persona può denunciare un’aggressione sessuale chiamando la polizia locale. I sopravvissuti possono anche voler fare un esame fisico in un ospedale.

La terapia può essere utile anche per coloro che hanno subito abusi sessuali in passato. Alcuni terapeuti sono specializzati nell’affrontare il trauma della violenza sessuale. Un’assistenza a lungo termine può essere utile per alcuni sopravvissuti all’abuso sessuale.

  • Tipi di aggressione e abuso sessuale
  • Violenza sessuale nell’esercito
  • Vittorie maschili di aggressione e abuso sessuale
  • Aggressione e abuso sessuale nelle persone LGBT. Violenza e abuso sessuale nella comunità LGBTQ+
  • Ragazza/etnia e violenza sessuale
  • Abuso sessuale nell’infanzia
  • Cos’è la molestia sessuale?
  • Problemi di salute mentale derivanti dalla violenza sessuale
  • Consulenza dopo la violenza sessuale o l’abuso

Tipi di violenza sessuale e abuso

Trova un terapeuta

L’abuso sessuale è comune, soprattutto per donne e ragazze. Il novanta per cento di tutti gli stupri sono commessi contro le donne. Una donna su sei in America ha subito uno stupro. Una ragazza su cinque e un ragazzo su 20 subiscono abusi sessuali durante l’infanzia.

L’abuso e l’aggressione sessuale sono termini ombrello usati per riferirsi a più crimini. Questi crimini includono:

  • Stupro: Contatto sessuale forzato con qualcuno che non è o non può essere consenziente. Forzare il sesso con qualcuno che non lo vuole, che è intossicato, o che non è legalmente abbastanza grande per dare il consenso, conta come stupro. Lo stupro di data è un’aggressione sessuale che avviene tra persone con una relazione stabilita. Una manciata di stati limitano la loro definizione di stupro al rapporto sessuale forzato. Tuttavia, qualsiasi forma di contatto sessuale forzato può avere effetti duraturi su una persona. La maggior parte degli stati ora riconosce come stupro il sesso orale forzato e forme simili di aggressione.
  • Molestia di bambini: La pedofilia è qualsiasi contatto sessuale con un bambino. Molti bambini che vengono molestati sono troppo piccoli per sapere cosa sta succedendo e possono non reagire. Alcuni abusatori usano la cooperazione del bambino in questi casi come “prova” che nessuno è stato danneggiato. Esempi di molestie sui bambini possono includere accarezzare o richiedere favori sessuali da un bambino.
  • Incesto: L’incesto descrive il contatto sessuale tra membri della famiglia che sono troppo vicini per sposarsi. Mentre l’attività sessuale incestuosa può verificarsi tra adulti consenzienti, questo non è comune. La maggior parte degli incesti denunciati si verifica come abuso di minori. Più di un terzo dei sopravvissuti americani all’aggressione sessuale sotto l’età di 18 anni sono stati abusati da un membro della famiglia, secondo le ultime statistiche. Tuttavia, l’incesto è un crimine sottosegnalato, quindi il numero reale di sopravvissuti all’incesto potrebbe essere più alto.
  • Contatto sessuale non consensuale: Questa categoria include qualsiasi contatto sessuale indesiderato, come palpeggiamenti o pizzicotti. Anche i tentativi di stupro possono rientrare in questa categoria.
  • Abuso sessuale senza contatto: Non tutti gli abusi sessuali rientrano perfettamente nelle comuni definizioni legali o psicologiche. Per esempio, i genitori che fanno sesso davanti ai loro figli o che fanno commenti sessualmente inappropriati ai loro figli sono coinvolti in abusi sessuali. I cosiddetti siti di pornografia per vendetta, che pubblicano foto di persone nude senza il loro consenso, sono un’altra forma di abuso sessuale.

Le leggi che regolano l’abuso sessuale sono in continua evoluzione. Per questo motivo, la maggior parte dei professionisti che lavorano con i sopravvissuti all’abuso sessuale si basano sui sentimenti della persona, non sulla legge, nel determinare se si è verificata un’aggressione sessuale. Per esempio, lo stupro coniugale può essere profondamente traumatico, specialmente in una relazione altrimenti abusiva. Eppure lo stupro coniugale non è diventato un crimine da nessuna parte fino agli anni ’70. È ancora un crimine difficile da perseguire.

Violenza sessuale nell’esercito

La violenza sessuale si verifica nell’esercito degli Stati Uniti in gran numero. Secondo un rapporto del 2014:

  • Circa il 5% di tutte le donne e l’1% di tutti gli uomini in servizio attivo hanno riferito di aver subito un contatto sessuale indesiderato.
  • Quasi la metà delle denunce da parte delle donne riguardava la violenza sessuale penetrativa (stupro o penetrazione con un oggetto). Questo tasso era del 35% per gli uomini.

A causa del rapporto tra i sessi nell’esercito, più uomini subiscono violenza sessuale che donne. Un uomo nell’esercito ha 10 volte più probabilità di essere aggredito sessualmente di un uomo civile.

La maggior parte degli autori commette questi crimini per un desiderio di dominazione. Gli aggressori spesso desiderano stabilire il controllo sui loro “inferiori”. L’attrazione sessuale è raramente il fattore motivante.

Un uomo in uniforme si torce le mani mentre parla con una persona non vista.La violenza sessuale tra i membri del servizio è un crimine poco denunciato. Gli studi suggeriscono che solo un sopravvissuto su quattro alla violenza sessuale militare denuncia i propri attacchi. Tra i sopravvissuti maschi, si stima che l’81% non denunci mai i propri attacchi.

Le persone che denunciano le loro aggressioni spesso affrontano ritorsioni. Nel 2014, il 62% delle reporter donne ha detto di aver affrontato ritorsioni. Molte sono state evitate dai colleghi o incolpate dell’aggressione. I sopravvissuti di entrambi i generi possono affrontare conseguenze nella loro vita professionale. Alcuni vengono addirittura congedati dall’esercito.

I reporter possono anche affrontare barriere al trattamento della salute mentale. La ricerca suggerisce che l’esercito ha falsamente diagnosticato a molti denunciatori di aggressioni sessuali disturbi della personalità come scusa per congedarli. Il Dipartimento degli Affari dei Veterani classifica i disturbi di personalità come una condizione preesistente. Così, raramente copre le spese del trattamento di salute mentale dei sopravvissuti.

Vittime maschili di aggressione sessuale e abuso

Gli uomini che subiscono un’aggressione sessuale possono affrontare un grave stigma. La cultura statunitense promuove lo stereotipo che gli uomini vogliono sempre il sesso. Molte persone credono che gli uomini non possano essere vittime di stupro.

Quando gli uomini denunciano la violenza sessuale, spesso affrontano dubbi e ridicolo. Altri possono dare la colpa dell’abuso alla “debolezza” dell’uomo o alla sua presunta omosessualità. Il Victim-blaming è particolarmente probabile quando un uomo accusa una donna di abuso sessuale.

A causa dello stigma, i sopravvissuti uomini possono essere riluttanti a etichettare le loro esperienze come stupro o abuso. Alcuni possono non menzionare affatto l’evento. Tuttavia, la riluttanza a rivelare può impedire agli uomini di farsi curare. Senza un aiuto professionale, alcuni uomini ricorrono all’abuso di sostanze o all’autolesionismo per affrontare il trauma.

Violenza sessuale e abusi nella comunità LGBTQ+

I tassi di violenza sessuale per gli individui omosessuali e bisessuali sono paragonabili o superiori a quelli delle persone eterosessuali. I crimini d’odio sono responsabili di molte aggressioni sessuali contro persone LGBTQ+.

Tra le donne cisgender, i tassi di prevalenza di stupro nel corso della vita sono:

  • 46% per le donne bisessuali.
  • 13% per le donne lesbiche.
  • 17% per le donne eterosessuali.

Le statistiche di stupro tra gli uomini cisgender sono limitate. I tassi di prevalenza nel corso della vita per le aggressioni sessuali diverse dallo stupro sono:

  • 47% per gli uomini bisessuali.
  • 40% per gli uomini gay.
  • 21% degli uomini eterosessuali.

Circa il 64% delle persone transgender subiranno un’aggressione sessuale nel corso della loro vita. Questa statistica include persone transgender di tutti gli orientamenti sessuali e identità di genere. I giovani transgender sono particolarmente vulnerabili alla violenza sessuale. In un sondaggio del 2011, il 12% dei giovani trans ha detto che coetanei o personale educativo li ha aggrediti sessualmente in un ambiente scolastico.

Silhouette che tiene un ombrello arcobaleno mentre la persona si affaccia su un campo vuoto.I crimini sessuali nella comunità LGBTQ+ spesso non vengono segnalati. I sopravvissuti possono temere di rivelare la loro identità di genere o il loro orientamento sessuale agli altri. Possono non fidarsi del sistema legale per proteggerli. I sopravvissuti potrebbero anche temere di incitare ulteriori violenze.

Come altri sopravvissuti, le persone LGBTQ+ spesso incontrano lo stigma dopo aver denunciato la violenza sessuale. La discriminazione nel sistema sanitario può impedire ai sopravvissuti di ricevere cure. Gli amici e la famiglia possono credere agli stereotipi sulle persone LGBTQ+ e incolpare la vittima. Nei casi di violenza domestica, i membri della comunità LGBTQ+ locale possono rifiutarsi di credere al sopravvissuto o di ritenere l’aggressore responsabile.

I sopravvissuti LGBTQ+ alla violenza sessuale possono ottenere aiuto da un terapeuta. I professionisti della salute mentale non possono rivelare ad altri le proprie informazioni personali. La terapia è un luogo confidenziale dove si può trovare sostegno senza giudizio.

Razza/etnia e violenza sessuale

Negli Stati Uniti, alcune razze ed etnie hanno maggiori probabilità di subire una violenza sessuale. Secondo il National Intimate Partner and Sexual Violence Survey (NISVS), i tassi di prevalenza dello stupro nel corso della vita sono:

  • 9,5% delle donne asiatiche o delle isole del Pacifico
  • 15,0% delle donne ispaniche
  • 19.9% delle donne bianche
  • 20,7% delle donne nere
  • 28,9% delle donne indiane d’America o native dell’Alaska
  • 31,8% delle donne multirazziali
  • Il rapporto in questione non ha incluso dati sui sopravvissuti maschi.

Il razzismo può mettere le minoranze razziali/etniche a più alto rischio di aggressione sessuale. Molte persone di colore sono feticizzate come esseri “esotici” e ipersessuali. Come tali, i sopravvissuti hanno maggiori probabilità di essere etichettati come partecipanti “consenzienti”. Le aggressioni sessuali su persone bianche sono spesso punite più duramente delle aggressioni su persone di colore.

Come tali, le persone di colore sono molto meno propense a denunciare le loro aggressioni sessuali. Alcune persone possono non fidarsi che il sistema legale le tratti equamente. Altri possono temere di “tradire” la loro comunità rivelando informazioni personali. In alcuni casi, i valori culturali creano ulteriore stigma per le persone che denunciano. Questi fattori possono anche impedire ai sopravvissuti di cercare un trattamento di salute mentale.

Abuso sessuale infantile

L’abuso sessuale dei bambini può assumere molte forme. Può coinvolgere un estraneo o qualcuno vicino come un genitore. Un bambino non ha bisogno di essere toccato per essere abusato sessualmente. Azioni voyeuristiche, come guardare un bambino spogliarsi o fare la doccia, contano come abuso sessuale. Anche gli adulti che espongono i loro genitali ai bambini stanno commettendo un abuso.

Un adulto che abusa sessualmente dei bambini può, in alcuni casi, avere un’attrazione sessuale per i bambini. Ma l’attrazione sessuale non è necessaria per commettere un abuso. Spesso, un colpevole abusa di un bambino per ottenere potere su di lui.

L’abuso sessuale infantile è comune. Negli Stati Uniti:

  • 44% delle vittime di violenza sessuale hanno meno di 18 anni.
  • I bambini sono più vulnerabili alla violenza sessuale infantile tra i 7 e i 13 anni.
  • Il 10% dei bambini americani subisce abusi prima dei 18 anni.
  • Tra i bambini che subiscono abusi sessuali, il 20% li subisce prima degli 8 anni.

Anche se sono comuni, i bambini che subiscono abusi non sempre li denunciano subito. Questo può essere in parte dovuto al potere che l’aggressore ha sul bambino.

  • Fino al 93% dei bambini che hanno subito abusi sessuali conoscono bene i loro aggressori. L’aggressore spesso minaccia o manipola il bambino per impedirgli di rivelare l’abuso.
  • Oltre un terzo degli aggressori fa parte della famiglia del bambino.
  • Il 73% dei bambini bersaglio non rivela l’abuso per un anno o più.
  • 45% dei bambini bersaglio non rivelano l’abuso fino a quando non sono passati almeno cinque anni.

Anche se l’abuso sessuale nei bambini può essere difficile da riconoscere, il rilevamento è possibile. Se un bambino mostra i seguenti segnali d’allarme, ci può essere motivo di preoccupazione:

  • Biancheria intima strappata o macchiata
  • Infezioni urinarie o lievito frequenti
  • Incubi e ansia al momento di andare a letto
  • Bagnare il letto oltre l’età età
  • Preoccupazione per il proprio corpo
  • Rabbia e capricci
  • Umore depresso e ritirato
  • Conoscenze o comportamenti sessuali che non sonoappropriati

I segnali di cui sopra non sono necessariamente la prova che un bambino sia stato abusato sessualmente. I bambini possono mostrare questi comportamenti a causa di un altro problema. Tuttavia, non c’è bisogno di prove per denunciare un abuso su un bambino. Trovare le prove è il lavoro dei servizi di protezione dell’infanzia. Per denunciare un abuso, è sufficiente un “ragionevole sospetto” che l’abuso sia in corso.

Segnalare un abuso sessuale può evitare che un bambino abbia problemi di salute mentale in età adulta. Le persone che hanno subito abusi sessuali da bambini sono a maggior rischio di abuso di sostanze o di problemi alimentari. Hanno anche maggiori probabilità di essere abusati sessualmente da adulti.

Se pensate che un bambino sia stato abusato, potete chiamare i servizi di protezione dell’infanzia del vostro stato per indagare. Potete anche chiamare la hotline nazionale per gli abusi sui bambini di Childhelp al numero 1-800-4-A-CHILD (1-800-422-4453).

Cos’è la molestia sessuale?

Le molestie sessuali spesso rientrano nella categoria dell’aggressione sessuale. Mentre le definizioni di aggressione sessuale e molestia sessuale includono il contatto sessuale non consensuale, ci sono alcune differenze distinte.

Il termine “molestia sessuale” è spesso usato in un contesto legale. Secondo la U.S. U.S. Equal Employment Opportunity Commission, le molestie sessuali includono:

  • Avanzi o contatti sessuali indesiderati
  • Molestie nei confronti di una persona sulla base del suo sesso
  • Fare commenti offensivi o battute su un particolare sesso
  • Premi per andare ad un appuntamento o per eseguire favori sessuali

Le molestie sessuali possono avvenire ovunque, ma molte delle leggi che proteggono le persone che possono subire molestie sessuali si riferiscono alle molestie sul posto di lavoro. La definizione più ampia di molestie sessuali può includere il cat-calling, fare gesti o commenti sessuali verso una persona, fissare, riferirsi a qualcuno usando un linguaggio degradante come “babe” o “hunk”, e fare regali indesiderati o personali.

Problemi di salute mentale derivanti dall’aggressione sessuale

Dopo l’aggressione sessuale, i sopravvissuti possono sentire che il loro corpo non è veramente loro. I sopravvissuti spesso riportano sentimenti come vergogna, terrore e senso di colpa. Molti si incolpano per l’aggressione.

A causa del trauma e delle emozioni negative legate all’abuso sessuale, i sopravvissuti possono essere a rischio di condizioni di salute mentale. I sopravvissuti all’abuso sessuale possono sviluppare:

  • Depressione: La perdita di autonomia corporea è spesso difficile da affrontare. Può creare sentimenti di mancanza di speranza o disperazione. Può anche ridurre il senso di autostima. I sentimenti depressivi possono essere lievi e fugaci, o possono essere intensi e duraturi.
  • Ansia: La perdita di autonomia corporea può anche causare grave ansia. I sopravvissuti possono temere che l’attacco possa ripetersi. Alcuni possono sperimentare attacchi di panico. Altri possono sviluppare agorafobia e avere paura di lasciare la propria casa. In alcuni casi, un sopravvissuto può sviluppare una paura cronica del tipo di persona che gli ha fatto del male. Qualcuno che è stato violentato da un uomo alto, biondo e con gli occhi azzurri può istintivamente disprezzare, diffidare o temere tutti gli uomini che corrispondono a quella descrizione.
  • Stress post-traumatico (PTSD): Qualcuno che è sopravvissuto alla violenza sessuale può sperimentare intensi ricordi dell’abuso. In alcuni casi, i flashback possono essere così dirompenti da far perdere al sopravvissuto la cognizione dell’ambiente circostante. Una persona può anche sviluppare una condizione correlata chiamata stress post-traumatico complesso (C-PTSD). Il C-PTSD produce una paura cronica dell’abbandono oltre ai sintomi del PTSD tradizionale. Alcune persone con C-PTSD sperimentano anche disturbi della personalità.
  • Disturbi della personalità: L’abuso sessuale può talvolta provocare disturbi della personalità come la personalità borderline. Il comportamento legato ai disturbi di personalità potrebbe essere in realtà un adattamento all’abuso. Per esempio, una caratteristica della personalità borderline è la paura dell’abbandono. Questa paura potrebbe non essere adattativa in età adulta. Eppure evitare l’abbandono potrebbe aver protetto qualcuno dall’abuso sessuale da bambino.
  • Problemi di attaccamento: I sopravvissuti possono trovare difficile formare legami sani con gli altri. Questo è particolarmente vero tra i bambini che hanno subito abusi. Gli adulti che sono stati abusati da bambini possono avere modelli di attaccamento insicuri. Potrebbero lottare con l’intimità o essere troppo ansiosi di formare legami stretti.
  • Dipendenza: La ricerca suggerisce che i sopravvissuti all’abuso hanno 26 volte più probabilità di usare droghe. Le droghe e l’alcol possono aiutare ad alleviare il dolore dell’abuso. Eppure l’abuso di sostanze spesso porta allo sviluppo di altre preoccupazioni.

L’abuso sessuale non lascia solo cicatrici psicologiche. Può anche avere conseguenze durature sulla salute.

Una persona aggredita può riportare lividi e tagli. Potrebbe anche avere ferite più gravi come ferite da coltello, ossa rotte e genitali danneggiati. Altri possono sviluppare dolore cronico senza una causa fisica evidente.

Alcuni sopravvissuti sperimentano disfunzioni sessuali e problemi di fertilità. Altri possono sviluppare infezioni trasmesse sessualmente. Contrariamente al mito, è possibile che un’aggressione sessuale provochi una gravidanza. Nei casi in cui una bambina rimane incinta, il parto può essere fisicamente pericoloso.

Counseling dopo l’aggressione sessuale e l’abuso

Molti sopravvissuti sviluppano condizioni di salute mentale dopo un’aggressione sessuale. Avere un problema di salute mentale non ti rende “debole” o “rotto”. Le persone affrontano il trauma in modi diversi.

Le persone che sono sopravvissute alla violenza sessuale possono ricevere aiuto da un professionista della salute mentale. La terapia offre un luogo sicuro e privato per ottenere aiuto senza giudizio. Non dovete gestire i vostri problemi da soli.

  1. Statistiche di abuso sessuale su minori. (n.d.). Recuperato da http://www.d2l.org/site/c.4dICIJOkGcISE/b.6143427/k.38C5/Child_Sexual_Abuse_Statistics.htm
  2. Statistiche sugli abusi sessuali sui minori. (n.d.). Retrieved from http://www.victimsofcrime.org/media/reporting-on-child-sexual-abuse/child-sexual-abuse-statistics
  3. Incidenti di stupro nell’esercito molto più alti di quanto riportato in precedenza. (2014, 5 dicembre). Military Times. Retrieved from http://www.militarytimes.com/story/military/pentagon/2014/12/04/pentagon-rand-sexual-assault-reports/19883155
  4. Stupro coniugale. (n.d.). Recuperato da https://www.rainn.org/public-policy/sexual-assault-issues/marital-rape
  5. NISVCS: Una panoramica dei risultati del 2010 sulla vittimizzazione per orientamento sessuale. (n.d.) National Center for Injury Prevention and Control. Retrieved from https://www.cdc.gov/violenceprevention/pdf/cdc_nisvs_victimization_final-a.pdf
  6. Paulk, L. (2014, April 30). Violenza sessuale nella comunità LGBT. Retrieved from http://www.nclrights.org/sexual-assault-in-the-lgbt-community
  7. Stupro e aggressione sessuale. (n.d.). Retrieved from http://www.bjs.gov/index.cfm?ty=tp&tid=317
  8. Riconoscere gli abusi sui bambini. (n.d.). Pennsylvania Family Support Alliance. Retrieved from http://www.pa-fsa.org/Mandated-Reporters/Recognizing-Child-Abuse-Neglect/Recognizing-Child-Abuse
  9. Tassi di segnalazione. (n.d.). Retrieved from https://rainn.org/get-information/statistics/reporting-rates
  10. Sexual Assault & LGBT Survivors. (n.d.). Recuperato da http://sapac.umich.edu/article/58
  11. Assalto sessuale: The Numbers | Responding to Transgender Victims of Sexual Assault. (2014, 1 giugno). Retrieved from http://www.ovc.gov/pubs/forge/sexual_numbers.html
  12. Sexual Assault of Young Children as Reported to Law Enforcement: Victim, Incident, and Offender Characteristics. (2000). Ufficio delle statistiche di giustizia. Recuperato da http://www.bjs.gov/content/pub/pdf/saycrle.pdf
  13. Molestie sessuali. (n.d.). Retrieved from https://www.eeoc.gov/laws/types/sexual_harassment.cfm
  14. “Son, Men Don’t Get Raped.” (2014). GQ. Retrieved from http://www.gq.com/long-form/male-military-rape
  15. Van der Kolk, B. (2014). The body keeps the score: Brain, mind, and body in the healing of trauma (1st ed.). New York, NY: Viking.
  16. Che cos’è la molestia sessuale? (n.d.). Recuperato da http://www.un.org/womenwatch/osagi/pdf/whatissh.pdf
  17. Chi sono le vittime? (n.d.). Retrieved from https://www.rainn.org/get-information/statistics/sexual-assault-victims
  18. Donne di colore e violenza sessuale. (n.d.) Connecticut Alliance to End Sexual Violence. Recuperato da https://endsexualviolencect.org/resources/get-the-facts/woc-stats