Perché mio figlio vomita di notte e cosa posso fare?

Intossicazione alimentare

A volte il vomito è semplicemente il corpo che dice “no” per tutte le ragioni giuste. Tuo figlio – o chiunque altro – può consumare qualcosa (senza colpa) che non avrebbe dovuto mangiare, per quanto riguarda il corpo.

Cooked e uncooked food possono entrambi causare intossicazione alimentare. Tuo figlio potrebbe aver mangiato del cibo che è stato:

  • lasciato fuori troppo a lungo (per esempio, alla festa di compleanno all’aperto di un amico in estate)
  • non è stato cucinato correttamente (non stiamo parlando della tua cucina, ovviamente!)
  • qualcosa che hanno trovato nel loro zaino qualche giorno fa

Può essere difficile scoprire esattamente quale sia stato il cibo colpevole perché il tuo bambino potrebbe non avere sintomi per ore. Ma quando colpisce, è probabile che il vomito si verifichi in qualsiasi momento – anche di notte.

Oltre al vomito, l’intossicazione alimentare può anche causare sintomi come:

  • mal di stomaco
  • crampi allo stomaco
  • nausea
  • vertigini
  • febbre
  • sudorazione
  • diarrea

influenza intestinale

L’influenza intestinale è una malattia comune e contagiosa per i bambini. E può colpire di notte, quando meno te lo aspetti.

Il “virus dello stomaco” è anche chiamato gastroenterite virale. Il vomito è un sintomo caratteristico dei virus che causano l’influenza intestinale.

Il tuo bambino potrebbe anche avere:

  • fluenza leggera
  • crampi allo stomaco
  • dolore alla testa
  • diarrea

Sensibilità alimentare

Una sensibilità alimentare si verifica quando il sistema immunitario di tuo figlio reagisce in modo eccessivo a un cibo (normalmente) innocuo. Se tuo figlio è sensibile a un alimento, potrebbe non avere alcun sintomo fino a un’ora dopo averlo mangiato. In questo caso, mangiare una cena tardiva o uno spuntino a letto potrebbe portare al vomito notturno.

Controlla se tuo figlio potrebbe aver mangiato qualcosa a cui potrebbe essere sensibile. Alcuni di questi potrebbero essere nascosti in spuntini elaborati come i cracker. Le sensibilità alimentari comuni includono:

  • latte (latte, formaggio, cioccolato)
  • grano (pane, cracker, pizza)
  • uova
  • soia (in molti cibi lavorati o in scatola e snack)

Un’allergia alimentare, che è più seria, di solito causa altri sintomi – come eruzione cutanea, gonfiore o problemi respiratori – e può essere un’emergenza medica.

Tosse

Il tuo bambino potrebbe avere solo una leggera tosse durante il giorno. Ma la tosse a volte può peggiorare di notte, scatenando il riflesso del vomito di tuo figlio e facendolo vomitare. Questo può accadere se il tuo bambino ha una tosse secca o umida.

Una tosse secca può peggiorare se il tuo bambino respira con la bocca. Respirare con la bocca aperta mentre si dorme porta a una gola secca e irritata. Questo provoca più tosse, che a sua volta fa vomitare la cena a letto a tuo figlio.

Una tosse umida – di solito per un raffreddore o un’influenza – è accompagnata da molto muco. Il fluido in più penetra nelle vie respiratorie e nello stomaco e può raccogliersi mentre il bambino dorme. Troppo muco nello stomaco causa ondate di nausea e vomito.

Riflusso acido

Il reflusso acido (bruciore di stomaco) può verificarsi nei neonati e nei bambini dai 2 anni in su. Il vostro bambino può averlo una volta ogni tanto – questo non significa che abbia necessariamente un problema di salute. Il reflusso acido può irritare la gola, provocando tosse e vomito.

Questo può accadere nelle ore piccole della notte se tuo figlio ha mangiato qualcosa che può scatenare il reflusso acido. Alcuni alimenti fanno sì che i muscoli tra lo stomaco e il tubo della bocca (esofago) si rilassino più del solito. Altri cibi fanno sì che lo stomaco produca più acido. Questo può causare occasionali bruciori di stomaco in alcuni piccoli e adulti.

Gli alimenti che potrebbero dare al tuo bambino – e a te – bruciori di stomaco includono:

  • cibi fritti
  • cibi grassi
  • formaggio
  • cioccolato
  • menta piperita
  • arance e altri agrumi
  • pomodori e salsa di pomodoro

Se tuo figlio ha spesso reflusso acido, potrebbe avere altri segni e sintomi che non sembrano collegati:

  • gola irritata
  • tosse
  • alito cattivo
  • raffreddore frequente
  • infezioni ripetute dell’orecchio
  • gelo
  • pressione respirazione
  • rumore nel petto
  • perdita di smalto dei denti
  • cavità dentali

Asma

Se tuo figlio ha l’asma, potrebbe avere più tosse e respiro affannoso di notte. Questo perché le vie respiratorie – i polmoni e i tubi di respirazione – sono più sensibili di notte, mentre tuo figlio dorme. Questi sintomi notturni dell’asma a volte portano a vomitare. Questo può essere peggiore se ha anche un raffreddore o un’allergia.

Il tuo bambino potrebbe anche avere:

  • stringimento del torace
  • gridamenti
  • suono sibilante quando respira
  • difficoltà a respirare
  • difficoltà a dormire o a rimanere addormentato
  • stanchezza
  • crankiness
  • ansia

Russare, con o senza apnea del sonno

Se il vostro piccolo suona come un treno merci mentre sonnecchia, fate attenzione. I bambini possono avere un russamento da leggero a piuttosto serio per una serie di ragioni. Alcune di queste cause spariscono o migliorano con l’avanzare dell’età. Ma se hanno anche pause significative nella respirazione (di solito mentre russano), potrebbero avere l’apnea del sonno.

Se tuo figlio ha l’apnea del sonno, potrebbe dover respirare attraverso la bocca, soprattutto di notte. Questo può portare a gola secca, tosse – e a volte, vomito.

In alcuni bambini anche senza apnea del sonno, russare può rendere difficile la respirazione. Potrebbero svegliarsi improvvisamente sentendosi come se stessero soffocando. Questo può scatenare il panico, la tosse e altro vomito.

I bambini che hanno l’asma o le allergie possono essere più propensi a russare perché hanno il naso chiuso e le vie respiratorie congestionate più spesso.