Perché la personalità di tipo D è importante, ma spesso trascurata

Wavebreakmedia/
Fonte: Wavebreakmedia/

Uno dei concetti più noti in psicologia è lo schema comportamentale di tipo A, caratterizzato da estrema competitività, impazienza e bisogno di perfezione. Anche se attaccare la A alla sindrome era arbitrario all’epoca, l’etichetta ha preso piede, forse perché è così distinta e facile da ricordare. Il termine è appropriato, inoltre, perché le persone che sono alte in questa qualità probabilmente si sforzavano costantemente di ottenere voti A a scuola (o peggio, un A+). Dopo l’identificazione del Tipo A nella prima letteratura sullo stress, seguì presto un Tipo B come opposto del Tipo A. La personalità di Tipo C fu identificata successivamente come l’individuo “coscienzioso”, preoccupato dell’accuratezza e della qualità rispetto all’insistenza del Tipo A nel fare le cose velocemente.

l’articolo continua dopo la pubblicità

L’elenco alfabetico dei tipi di personalità termina con la quarta categoria, chiamata Tipo D per angosciato. Gli individui in questo gruppo sono probabilmente ansiosi, soli e forse anche traumatizzati, tutte cose che fanno soffrire la loro salute mentale. Questi individui possono anche essere vulnerabili alle malattie cardiovascolari, ma per ragioni diverse rispetto al tipo A. Le persone con un alto livello di ansia e depressione di tipo D hanno una cattiva prognosi quando sviluppano una cardiopatia ischemica, in cui l’apporto di sangue viene interrotto al cuore, producendo dolore al petto (angina). Paradossalmente, gli individui di tipo D possono non sperimentare l’ansia e la depressione in termini di stato d’animo (come si sentono), perché sopprimono le loro emozioni negative. Cercando di regnare nei loro sentimenti negativi, non fanno che esacerbare il loro rischio di malattie cardiache.

Come notato da Michael Allen e soci della University of Northern Colorado (2018), la personalità di tipo D può essere pensata come coinvolgente alti livelli di affettività negativa (NA) combinati con alti livelli di inibizione sociale (SI). Allen et al. ritengono che le persone con alti tratti di personalità di tipo D probabilmente mostrano più in generale alti livelli di inibizione comportamentale (BI), definita come una tendenza ad evitare o ritirarsi dalle situazioni nuove. La BI predispone un individuo a sviluppare disturbi legati all’ansia se esposto a certi fattori di stress ambientale. I militari con un alto livello di BI, per esempio, hanno maggiori probabilità di sviluppare un disturbo da stress post-traumatico (PTSD) rispetto alle loro controparti che non hanno questo temperamento.

Allen e i suoi coautori propongono che la BI operi per predisporre gli individui al disagio psicologico attraverso un modello di “diatesi di apprendimento”, che crea una reazione più forte agli stimoli che segnalano un evento avverso. Il classico condizionamento dell’occhio fornisce un modello sperimentale per questo processo. Un suono particolare non causerà un battito di ciglia da solo, ma se quel suono è accoppiato con uno stimolo avverso, come un soffio d’aria, la palpebra batterà solo a quel suono una volta che l’apprendimento è stato stabilito. La causa di questa risposta appresa, propone il team della University of Northern Colorado, è l’attivazione di una parte del cervello conosciuta come l’amigdala, insieme ad un’altra regione del cervello vicina, l’ippocampo, che è coinvolta nel consolidamento della memoria.

l’articolo continua dopo la pubblicità

L’obiettivo dello studio di Allen et al. era quello di espandere la nozione di diatesi di apprendimento alla personalità di tipo D con la sua componente aggiunta di affettività negativa, che, a sua volta, può essere collegata a riduzioni nell’ippocampo. Anche se la BI dovrebbe aumentare l’attivazione dell’amigdala, e quindi aumentare il tasso di condizionamento dell’occhiolino, l’effetto della personalità di tipo D sarebbe quello di ridurre la curva di apprendimento del condizionamento dell’occhiolino grazie a un volume ippocampale ridotto (memoria più povera).

Il team di ricerca ha esposto il suo campione di 89 studenti universitari (63 femmine) a una procedura di condizionamento dell’occhiolino in cui le loro risposte all’occhiolino servivano come variabile di risultato. Hanno anche completato misure di BI (Gladstone & Parker, 2005) e personalità di tipo D (Denollet, 2005). Le domande della scala BI includevano: “Tendi ad osservare gli estranei da lontano, prima di essere in grado di mescolarti?”; “Tendi a presentarti a nuove persone?” (punteggio inverso); e “Preferisci la tua compagnia a quella degli altri?”

Le basi

  • Cos’è la personalità?
  • Trova un terapeuta vicino a me

I 14 item della misura della personalità di tipo D che valuta l’affettività negativa includono: “Sono spesso di cattivo umore”; “Mi trovo spesso a preoccuparmi per qualcosa”; e “Faccio spesso storie per cose poco importanti”. Le domande di inibizione sociale sulla scala di Tipo D sono simili a quelle che misurano la BI, come ad esempio “Trovo difficile iniziare una conversazione.”

articolo continua dopo la pubblicità

Come previsto dagli autori, gli individui alti in entrambi i componenti BI e SI della misura di personalità di Tipo D hanno mostrato un più rapido condizionamento degli occhi, sostenendo l’idea che la persona socialmente inibita è altamente vigile agli stimoli nell’ambiente. I risultati per l’affettività negativa sono stati meno chiari, in quanto non c’è stata alcuna differenza nei tassi di condizionamento per gli individui classificati come alti o bassi su questa componente della misura di tipo D. Avvertendo che sono necessarie ulteriori ricerche, gli autori hanno osservato: “Sembra che la NA agisca come una lesione dell’ippocampo (p. 99)”, il che supporterebbe l’idea che la depressione abbia una base neurale.

Dai risultati di questo studio, sembra che la personalità di tipo D, in particolare la componente inibita, sembra avere un ruolo da svolgere nella salute mentale generale di un individuo, al di là della sua relazione con la malattia cardiaca. L’accresciuta vigilanza che rappresenta l’inibizione sociale, testata in questo studio attraverso un paradigma di condizionamento, significa che, come concludono gli autori, c’è “un aumento del rischio di sviluppare disturbi d’ansia in individui inclini all’ansia quando esposti a stimoli avversivi” (p. 101).

Personalità Essential Reads

Per riassumere, si può vedere che la personalità di tipo D è un’entità misurabile che si manifesta in un modello specifico di risposte a un paradigma di condizionamento classico. Il fatto che questo sia un costrutto di personalità “reale” suggerisce che vale la pena prestare attenzione se voi, o qualcuno a cui tenete, avete queste tendenze. La salute mentale e quella fisica sono intimamente legate, e trovare appagamento nella vita significa cercare di massimizzare entrambe.