Montana

In questo articolo, troverete le risposte alle domande comuni sugli ordini di protezione in Montana. Ogni stato ha leggi diverse. Se avete una domanda su un Ordine di Protezione da qualche parte al di fuori del Montana, queste informazioni potrebbero non essere giuste per voi. Potresti essere in grado di trovare aiuto legale gratuito nel tuo stato.

Risponderemo alle seguenti domande:

  • Che cos’è un ordine di protezione?
  • Chi può ottenere un ordine di protezione?
  • Come può aiutarmi un ordine di protezione?
  • Quanto costa ottenere un ordine di protezione?
  • Ho bisogno di un avvocato per ottenere un ordine di protezione?
  • Quanto dura un ordine di protezione?
  • Quali sono i passi per ottenere un Ordine di Protezione?
  • Cosa dovrò dimostrare all’udienza?
  • Cosa devo fare prima dell’udienza per preparare il mio caso?
  • Cosa devo fare il giorno dell’udienza?
  • Qual è l’ordine degli eventi in aula?
  • Cosa devo fare prima di lasciare il tribunale?
  • Cosa devo fare dopo aver lasciato il tribunale?
  • Cos’è un piano di sicurezza?
  • Non ho ottenuto un Ordine di Protezione. Cosa posso fare?
  • Cosa posso fare se il convenuto infrange l’ordine?
  • Come posso cambiare, estendere o cancellare il mio Ordine di Protezione?
  • Cosa succede se mi trasferisco?

Cos’è un Ordine di Protezione?

Un Ordine di Protezione è un ordine del tribunale che è progettato per fermare il comportamento violento e molesto. Ha lo scopo di proteggere voi e i vostri familiari da qualcuno che vi ha fatto del male o ha minacciato di farvi del male e di cui avete paura.”

Se avete richiesto e ottenuto un Ordine di Protezione Temporaneo (TOP), la Corte fisserà un’udienza per determinare se mantenere o meno il TOP in vigore e cambiarlo in un “Ordine di Protezione.”

In Montana, gli Ordini di Protezione sono talvolta chiamati ordini restrittivi sebbene “Ordine di Protezione” sia il termine corretto. Quando presentate un Ordine di Protezione, siete chiamati il Richiedente. La persona contro cui avete presentato l’Ordine di Protezione si chiama il Resistente.

Chi può ottenere un Ordine di Protezione?

  • Potete chiedere alla Corte un Ordine di Protezione contro un “membro della famiglia” o “partner” che vi ha fatto del male fisicamente o ha minacciato di farvi del male e avete paura che ve ne faccia ancora.

“Membro della famiglia” significa: madri, padri, figli, fratelli, sorelle, e altri familiari passati o presenti di una famiglia. Queste relazioni includono le relazioni create dall’adozione e dal risposo. Ciò include figliastri, matrigne, suoceri, figli adottivi e genitori. Queste relazioni continuano indipendentemente dall’età delle parti e dal fatto che le parti risiedano nella stessa famiglia.

“Partner” significa: coniugi, ex coniugi, persone che hanno un figlio in comune, e persone che sono state o sono attualmente in una relazione intima. Questo include le relazioni dello stesso sesso.

  • Puoi anche chiedere al tribunale un Ordine di Protezione contro chiunque (che sia o meno un membro della famiglia o un partner) che ti abbia:
    • stalking,
    • stuprato,
    • aggredito sessualmente,
    • commesso un incesto con te, o
    • maltrattato il tuo partner o un membro della famiglia.

Per saperne di più su ciò che la legge dice chi può ottenere un Ordine di Protezione, leggere Montana Code Annotated (M.C.A.) § 40-15-102. 40 è il numero del titolo. 15 è il numero del capitolo. E 102 è il numero della sezione.

  • Non importa quanto tempo è passato tra quando è avvenuto l’abuso e quando si richiede un Ordine di Protezione. Se l’aggressore è in prigione, puoi chiedere un Ordine di protezione al momento del rilascio.
  • Puoi avere diritto a un Ordine di protezione se hai denunciato o meno l’abuso alle forze dell’ordine, se le accuse sono state presentate o se partecipi a un procedimento penale.
  • Non importa quanti anni ha l’aggressore e dove vive ai fini di ottenere un Ordine di protezione.
  • Gli adulti possono richiedere Ordini di protezione per conto di minori (persone sotto i 18 anni). I minorenni possono anche presentare un Ordine di Protezione da soli, ma il tribunale può nominare degli adulti che li rappresentino se lo fanno.

Come può aiutarmi un Ordine di Protezione?

Ricordate, se presentate un Ordine di Protezione, voi siete il Richiedente. La persona contro cui fai causa è il convenuto. Nel vostro Ordine di Protezione, potete chiedere al giudice di:

  • Ordinare al Resistente di non farvi del male
  • Ordinare al Resistente di non molestarvi o altrimenti disturbarvi (e/o i vostri figli)
  • Ordinare al Resistente di non contattarvi. Questo significa di persona, attraverso terzi, per iscritto, via email, sui social media, e per telefono, ecc.
  • Ordina al Rispondente di stare ad una specifica distanza da te, dalla tua casa e/o dal tuo lavoro, così come dall’asilo e/o dalla scuola di tuo figlio
  • Ordina al Rispondente di lasciare la casa in cui entrambi vivete
  • Ordina al Rispondente di permetterti l’accesso alla tua proprietà personale
  • Ordina al Rispondente di non possedere una pistola o altre armi pericolose
  • Ordina al Rispondente di frequentare una terapia, come l’intervento per i maltrattanti o la consulenza per la droga e l’alcool
  • Ordina al Resistente di ottenere solo visite sorvegliate per i vostri figli. Importante: non si dovrebbe usare un Ordine di protezione per prendere il posto di un Piano genitoriale.

Per saperne di più su ciò che la legge dice che si può chiedere in un Ordine di Protezione, leggere M.C.A. § 40-15-201.

Quanto costa ottenere un Ordine di Protezione?

Non costa nulla richiedere un Ordine di Protezione. Non c’è nessuna tassa per avere il delegato dello sceriffo che serve il convenuto se la Corte ve lo concede.

Ho bisogno di un avvocato per ottenere un Ordine di Protezione?

No. Ma, proprio come qualsiasi altra questione legale, è utile avere un avvocato se possibile. Se l’altra parte ha un avvocato, è una buona idea cercare di averne uno anche lei.

Ci sono moduli gratuiti del tribunale per aiutare le persone a richiedere un Ordine di Protezione da soli. Ci può essere un avvocato vicino a te che può rispondere a domande di base e aiutarti a pianificare la sicurezza senza alcun costo. Puoi anche richiedere un aiuto legale gratuito.

Quanto dura un Ordine di protezione?

Quando fai domanda per un Ordine di Protezione per la prima volta, presenti una Petizione per un Ordine di Protezione Temporaneo (TOP). Il giudice esaminerà la tua petizione e deciderà se concederti un Ordine di protezione temporaneo in base alle informazioni che hai inserito nel modulo. Se il giudice ti concede l’ordine di protezione temporaneo, questo entrerà in vigore non appena il convenuto sarà servito e durerà fino a quando la Corte terrà un’udienza. La Corte dovrebbe fissare un’udienza entro 20 giorni dalla concessione del vostro TOP. Un delegato dello sceriffo servirà alla persona contro cui ha presentato la petizione una copia della petizione e un avviso di udienza.

All’udienza, entrambe le parti potranno condividere la loro versione della storia. Dopo che il firmatario, il convenuto e i testimoni hanno testimoniato, il giudice deciderà se cambiare l’Ordine di protezione temporaneo in un Ordine di protezione permanente e quanto durerà. Il giudice deciderà quanto durerà l’Ordine di Protezione in base alle prove presentate in udienza.

Quali sono i passi per ottenere un Ordine di Protezione?

Passo 1: Trovare i moduli.

Puoi trovare i moduli presso:

  • Rifugi locali per la violenza domestica
  • Uffici locali di rappresentanza delle vittime del crimine
  • Il Cancelliere della Corte presso la maggior parte dei Tribunali di Giustizia, Città, Municipali o Distrettuali
  • Centri legali di auto aiuto.

Si possono anche trovare moduli su questo sito web:

  • Modulo in bianco da scaricare e compilare a mano
  • Modulo interattivo da compilare online e poi scaricare.
Step 2: Compila attentamente i moduli.

I moduli in bianco sono accompagnati da istruzioni. Leggile attentamente così sarà più facile compilare il modulo. I moduli interattivi ti aiuteranno a compilarli in base alle risposte che darai in un’intervista online.

Puoi tenere il tuo nuovo indirizzo al sicuro mettendo “confidenziale” dove ti chiede il tuo indirizzo.

I moduli vi chiederanno di descrivere come l’intervistato ha abusato o minacciato di abusare di voi. Devi essere il più specifico possibile. Per ogni esempio di abuso, descrivi:

  • Chi: Dì chi ha abusato di te. Di’ chi era presente per vedere l’abuso. Va bene se durante l’abuso c’eravate solo tu e il Resistente.
  • Come: Parla di come il Resistente ha abusato di te. Sii specifica nei dettagli che riesci a ricordare. Per esempio, se il Resistente ti ha colpito, di’ dove ti ha colpito sul corpo. Se l’Interessato ti ha minacciato, dì cosa ha detto e cosa stava facendo quando ti ha minacciato, e come ti ha fatto sentire.
  • Quando: Sii il più specifico possibile sul momento in cui è avvenuto l’abuso. Cerca di ricordare la data, il giorno della settimana e/o l’ora in cui è successo. Se è successo durante una festa o un evento speciale, dillo. Non preoccuparti se non riesci a ricordare ogni dettaglio, perché è normale in caso di trauma. Puoi dire nella tua petizione se hai difficoltà a ricordare i dettagli a causa del trauma.
  • Dove: Sii specifica. Scrivi dove eri quando il convenuto ha abusato di te. Per esempio, indica la stanza specifica in cui ti trovavi quando il Resistente ha abusato di te.
  • Cosa hai provato: Puoi scrivere come ti sei sentita sia fisicamente che emotivamente. Per esempio, se hai avuto paura per la tua vita durante l’abuso o le minacce di abuso, puoi descriverlo nella tua petizione. Può anche descrivere il dolore fisico che ha provato a causa dell’abuso.

Non firmi la petizione. Dovrà firmarla davanti a un notaio. I notai si trovano spesso nei tribunali o nelle banche.

Step 3: Presentare la petizione in tribunale.

Farà il suo ordine di protezione presso la cancelleria del tribunale. Potete depositare la vostra petizione presso la Corte di Giustizia, la Città, la Corte Municipale o la Corte Distrettuale della contea:

  • dove è avvenuto l’abuso;
  • dove vivete; o,
  • dove siete fuggiti per sfuggire all’abuso.

Tutti i tribunali possono includere i bambini come individui protetti negli Ordini di Protezione quando il Resistente ha abusato o minacciato di abusare dei bambini.

Importante: Se voi e il Resistente state già andando in tribunale per un divorzio e/o un Parenting Plan, allora dovreste presentarvi nel tribunale distrettuale che supervisiona quel caso, se il giudice è disponibile. Un Ordine di protezione non è inteso a prendere il posto di un Piano genitoriale. Se avete domande su dove depositare, parlate con un avvocato.

Quando andate in tribunale per presentare un Ordine di Protezione, sarà utile che portiate con voi:

  • Una foto del Rispondente
  • L’indirizzo di lavoro e/o di casa del Rispondente
  • Il numero di telefono del Rispondente
  • Una descrizione dell’auto del Rispondente
  • Un documento di identità per te, se ne hai uno.
Step 4: Un giudice esaminerà la vostra petizione.

Tu depositerai la tua petizione presso il cancelliere del tribunale. Il cancelliere la consegnerà a un giudice. Il giudice potrebbe farti delle domande mentre legge la tua petizione.

Se il giudice decide che siete in immediato pericolo di danno, emetterà un Ordine Temporaneo di Protezione. L’ordine includerà un Avviso di Udienza che fissa la data di un’udienza in tribunale per determinare se concedere un Ordine di Protezione Permanente.

Ti verrà data una copia dell’Ordine Temporaneo di Protezione e dell’Avviso di Udienza. Un delegato dello sceriffo servirà al convenuto anche questi documenti. Ecco perché è utile portare una descrizione e foto del Resistente e dove lo sceriffo può trovarlo.

Se il giudice non vi concede un Ordine Temporaneo e credete di avere diritto, contattate:

  • Un programma locale di violenza domestica o di servizio alle vittime;
  • Montana Legal Services Association.
Fase 5: Servizio del processo.

In ogni caso giudiziario, l’altra parte riceverà un avviso e il suo giorno in tribunale. Un delegato dello sceriffo servirà il convenuto con un TOP e un Avviso di Udienza. Di solito il cancelliere del tribunale darà copie di quei documenti all’ufficio dello sceriffo. Ma in alcuni posti potreste doverli prendere voi stessi. La TOP è valida non appena il convenuto è servito o ha conoscenza della sua esistenza.

Fase 6: L’udienza.

La Corte terrà un’udienza entro 20 giorni dalla data in cui avete presentato la petizione. Lei deve andare all’udienza. Se non ti presenti, la Corte archivierà il tuo caso, il che significa che non otterrai un Ordine di Protezione.

Devi avere una ragione importante per non andare all’udienza, come una malattia o un colloquio di lavoro. Chiama il tribunale dove si terrà l’udienza e chiedi di riprogrammare. Alcuni tribunali potrebbero farle presentare un documento chiamato “Motion for Continuance” per riprogrammare l’udienza. Se l’udienza non viene riprogrammata dalla Corte, devi comunque andare all’udienza originariamente prevista o potresti non ottenere il tuo Ordine di protezione.

Al termine dell’udienza, il giudice deciderà se cambiare l’Ordine di protezione permanente e quanto durerà. Se hai bisogno di cambiare qualcosa che hai messo nel tuo TOP, puoi chiedere al giudice il permesso di cambiarlo durante l’udienza. Per esempio, se hai dimenticato di selezionare la casella per includere il tuo lavoro come luogo protetto.

Abbiamo maggiori informazioni sulle udienze qui sotto, oppure puoi leggere il nostro articolo su cosa succede in un’udienza dell’Ordine di Protezione.

Cosa dovrò dimostrare all’udienza?

I requisiti per un Ordine di Protezione cambiano a seconda della vostra relazione con il convenuto.

Se il convenuto è un vostro familiare, ex, o partner, allora dovete dimostrare alla Corte:

  • che siete vittima di un crimine violento che il convenuto ha commesso contro di voi. Il crimine non ha bisogno di essere denunciato alla polizia.

Oppure

  • Si è “in ragionevole apprensione di lesioni corporali” da parte del convenuto. Il termine “ragionevole apprensione di lesioni personali” è quello che viene usato nella legge. In termini profani, questo significa che una persona ragionevole nella tua situazione avrebbe anche paura di essere ferita fisicamente dal convenuto. Questo requisito può essere più difficile da provare perché è soggetto a interpretazione.

Esempio 1: La polizia ha arrestato il vostro ex per un’aggressione a un membro della famiglia del partner (PFMA) dopo avervi aggredito fisicamente. La legge dice che lei può essere idonea perché è vittima di un’aggressione da parte di un membro della famiglia del partner.

Esempio 2: Il tuo partner non è mai stato accusato di un crimine. Ma il Suo partner Le ha fatto del male, o ha minacciato di farLe del male, e dice che lo farà di nuovo. Non hai mai denunciato alla polizia alcun abuso o minaccia di abuso da parte del tuo partner. Dovrete dimostrare al giudice che è ragionevole aver paura di danni fisici da parte del convenuto. Dovete anche dimostrare che siete in pericolo se la Corte non vi concede un Ordine di Protezione.

Potete vedere cosa richiede la legge per un Ordine di Protezione nel M.C.A. §40-15-102.

Non è necessario che abbiate alcun tipo di relazione con il Resistente se siete vittima di:

  • Assalto
  • Assalto aggravato
  • Assalto su un minore
  • Stalking
  • Incesto
  • Assalto sessuale
  • Rapporto sessuale senza consenso

Non è necessario che l’imputato sia stato accusato penalmente di uno dei reati sopra elencati. Sarebbe una buona idea parlare con un avvocato se il convenuto non è stato accusato di uno dei crimini sopra elencati.

Si può trovare la legge che elenca tutti i reati in cui non è necessario avere alcun rapporto con il Resistente per essere ammissibili per un Ordine di Protezione a M.C.A. §40-15-102 (b). La (b) è la sottosezione.

Potete leggere il nostro articolo su Come usare le prove in un’udienza per un Ordine di Protezione.

Cosa devo fare prima dell’udienza per preparare il mio caso?

La prima cosa che dovresti fare è prepararti a vedere il tuo aggressore in aula. Puoi parlare con amici fidati o membri della famiglia per aiutarti a prepararti a rivedere il tuo molestatore. È una buona idea parlare con un avvocato delle vittime del crimine nella tua zona.

Un’udienza dell’Ordine di protezione può essere stressante e spaventosa. Puoi renderla meno difficile compilando una lista di controllo delle cose da fare prima dell’udienza.

Prima dell’udienza è una buona idea:

  1. Controllare la data, l’ora e l’aula dell’udienza.
  2. Prevedere di arrivare in tribunale almeno 15 minuti prima.
  3. Fare una lista delle prove che si possono usare.
  4. Fare 3 copie di ogni documento che si pensa di usare come prova. Per esempio, se state usando messaggi di testo, stampate 3 copie di quei messaggi.
  5. Fate una lista dei testimoni che volete usare.
  6. Contattate i vostri testimoni e assicuratevi che possano venire all’udienza.
  7. Praticate la vostra testimonianza delle 2 peggiori e più recenti volte che il Resistente ha abusato o minacciato di abusare di voi. Se il convenuto ha abusato di te per un lungo periodo di tempo, può anche essere utile esercitarsi a parlare della storia di abuso, e come questo ti ha reso timoroso del convenuto.
  8. Prepara un piano di sicurezza per quando vedrai il Resistente in tribunale

Puoi saperne di più su come rappresentarti in un’udienza dell’Ordine di Protezione.

Cosa devo fare il giorno dell’udienza?

Alcuni tribunali hanno più di un’aula. Devi assicurarti di andare nell’aula giusta. Il tribunale potrebbe avere un cartello che dice quale giudice sarà in quale aula. Se non riesce a scoprire in quale aula si trova, può chiedere al cancelliere.

Ci possono essere diverse udienze nella stessa aula della sua. Dovrà aspettare pazientemente in aula fino a quando il numero del suo caso sarà chiamato. Le altre udienze potrebbero richiedere un po’ di tempo. Quindi, si assicuri di non dover essere da nessuna parte subito dopo la sua udienza, nel caso in cui le altre udienze richiedano più tempo del solito.

Una volta che il suo caso è stato chiamato, vada in aula e trovi un posto. Hai il diritto di prendere un altro posto se il convenuto si siede vicino a te. Potete chiedere al personale del tribunale di aiutarvi a tenere il convenuto lontano da voi.

Questi sono alcuni consigli per il giorno dell’udienza:

  1. Presentati almeno 15 minuti prima.
  2. Porta un amico o un avvocato che ti aiuti a sentirti sicuro.
  3. Vestirsi come se si stesse andando ad un importante colloquio di lavoro.
  4. Si rivolga sempre al giudice come “Vostro onore” o “giudice”.
  5. Siate rispettosi con tutti. Questo include l’altro genitore, il giudice, il personale del tribunale e altre persone nel tribunale.
  6. Porta i documenti del tribunale che tu e l’altro genitore avete presentato. Assicuratevi che i documenti del tribunale siano organizzati.
  7. Portate le vostre prove. Assicuratevi che le vostre prove siano organizzate in modo da poterle trovare facilmente. Non volete rendere l’udienza più stressante se dovete scavare tra i documenti. Assicuratevi di avere delle copie pronte per voi, per la corte e per l’altra parte se volete che il giudice guardi le prove scritte o le immagini.
  8. Portate uno schema di quello che volete dire. Potete anche portare le domande che volete fare al convenuto.
  9. Non portate i vostri figli a meno che la Corte non abbia ordinato la loro presenza.
  10. Aspettate il vostro turno di parlare. Non volete interrompere il convenuto e specialmente il giudice.
  11. Parlate chiaramente quando è il vostro turno. Assicurati che il giudice e il convenuto possano capirti. Non otterrete quello che volete se il giudice non può capirvi o sentirvi.
  12. Fate domande. Se non capite qualcosa, avete il diritto di chiedere più informazioni in modo da capire. Si ricordi solo di essere rispettoso, perché le udienze possono essere stressanti.
  13. Assicurati di aver capito cosa fare dopo prima di andartene.

Qual è l’ordine degli eventi in aula?

Se il convenuto non si presenta:

Se il convenuto non si presenta all’udienza, il giudice può concedervi un Ordine di Protezione senza alcuna prova oltre a quella che avete messo nel vostro Ordine Temporaneo di Protezione (TOP). Il giudice può ancora chiedervi di presentare le vostre prove alla Corte in modo che possano essere messe a verbale.

Se hai bisogno di cambiare qualcosa che hai messo nel tuo PTO, puoi chiedere al giudice il permesso di cambiarlo durante l’udienza. Per esempio, se ha dimenticato di spuntare la casella per includere l’asilo di suo figlio come luogo protetto, può chiedere di aggiungerlo durante l’udienza.

Se il convenuto si presenta ed è d’accordo:

Se il convenuto si presenta ed è d’accordo che tu debba ottenere un Ordine di Protezione, il giudice può dartelo senza bisogno di altre prove.

Se il convenuto si presenta e non è d’accordo:

Se il convenuto si presenta all’udienza con un avvocato, potete chiedere alla corte una “continuazione”, che significa che l’udienza sarà riprogrammata per una data successiva. Potete chiedere questo tempo extra in modo da poter cercare di trovare un avvocato che vi aiuti.

Se il Resistente si presenta all’udienza e non è d’accordo con l’Ordine di Protezione, l’udienza sarà una “udienza contestata”. Un’udienza contestata è quando le parti di un caso non sono d’accordo su una questione e il giudice decide cosa deve succedere. In un’udienza contestata, sia il firmatario che il convenuto saranno in grado di condividere la loro versione della storia e presentare le loro prove alla Corte.

Al termine dell’udienza, il giudice deciderà se trasformare l’ordine di protezione permanente e per quanto tempo durerà. Se hai bisogno di cambiare qualcosa che hai messo nel tuo TOP, puoi chiedere al giudice il permesso di cambiarlo durante l’udienza. Per esempio, se hai dimenticato di spuntare la casella per includere il tuo lavoro come luogo protetto, puoi chiedere di farlo durante l’udienza.

Cosa devo fare prima di lasciare il tribunale?

Leggi l’Ordine di protezione per assicurarti che sia tutto corretto. Il cancelliere del tribunale deve dare una copia dell’ordine di protezione alle forze dell’ordine competenti entro 24 ore. Ma in alcune aree, potresti essere responsabile di portare l’ordine alle forze dell’ordine. Potete chiedere al cancelliere quale sia la loro politica per dare queste informazioni alle forze dell’ordine.

È una buona idea scoprire quando le forze dell’ordine inseriscono l’ordine di protezione nel loro database. Il database aiuta le forze dell’ordine di diverse agenzie a trovare gli Ordini di Protezione in modo da poter agire rapidamente se necessario.

È anche una buona idea seguire il tuo piano di sicurezza per uscire. Questo potrebbe significare aspettare in aula finché il convenuto non se ne va. Potete farvi accompagnare alla macchina o alla macchina da un amico o da un avvocato.

Cosa dovrei fare dopo aver lasciato il tribunale?

Un Ordine di Protezione è un ordine del tribunale. Non garantisce che il Resistente non farà nulla o che la tua paura nei suoi confronti sparirà. Puoi aiutare te e la tua famiglia ad essere più sicuri elaborando un piano di sicurezza.

Cos’è un piano di sicurezza?

Un piano di sicurezza è un piano personalizzato e pratico per aiutarti ad evitare situazioni pericolose con il Resistente, e stabilisce le cose migliori da fare se sei in pericolo. Alcune cose che vorrete includere nel vostro piano di sicurezza sono:

  1. Controllate che le forze dell’ordine inseriscano il vostro Ordine di Protezione nel loro database.
  2. Fate delle copie dell’Ordine, e tenetene una per voi. Danne una copia alla scuola o all’asilo dei tuoi figli, al tuo lavoro, a un vicino affidabile e ad altre persone di cui ti fidi.
  3. Ricercate di ottenere una Hope Card.
  4. Ricercate il programma di riservatezza degli indirizzi.
  5. Ricercate il Crime Victim Compensation Fund.
  6. Incontrate un Crime Victim Advocate per elaborare il vostro piano.

Una Hope Card è una versione da portafoglio di un Ordine di Protezione. Ha una foto del convenuto su di essa. La Hope Card permette alle forze dell’ordine in qualsiasi giurisdizione di sapere che hai un ordine di protezione valido e permanente. Questo può essere utile in caso di emergenza. Scopri di più su come richiedere una Hope Card.

Il Programma di Riservatezza dell’Indirizzo può aiutarti a tenere il tuo indirizzo al sicuro dal Resistente. Scopri di più su come fare domanda per il Programma di riservatezza dell’indirizzo.

Il Fondo di compensazione per le vittime del crimine aiuta le vittime con le loro spese mediche legate al crimine. Per saperne di più sul fondo di compensazione delle vittime.

Ci sono avvocati delle vittime di crimini (CVA) in tutto il Montana. I CVA danno aiuto e servizi gratuiti e confidenziali alle vittime del crimine. Per esempio, i CVA possono aiutare con la pianificazione della sicurezza, le domande di base sui procedimenti giudiziari, i diritti delle vittime, il risarcimento e la riservatezza, e altro ancora. Puoi trovare un avvocato delle vittime di reato vicino a te.

Scopri di più su come elaborare un piano di sicurezza.

Non ho ottenuto un ordine di protezione. Cosa posso fare?

È una buona idea contattare uno dei rifugi per la violenza domestica o CVA nella tua zona per ottenere aiuto, supporto e consigli su come rimanere al sicuro. Possono aiutarti a elaborare un piano di sicurezza e a metterti in contatto con le risorse di cui hai bisogno.

Potresti anche essere in grado di richiedere nuovamente un Ordine di protezione se hai nuove prove per dimostrare al tribunale che l’abuso è avvenuto. Puoi anche ripresentare la domanda se il convenuto abusa o minaccia di abusare di nuovo di te dopo l’udienza.

Se pensi che la Corte abbia commesso un errore non dandoti un Ordine di Protezione, parla subito con un avvocato.

Cosa posso fare se il Resistente infrange l’ordine?

Se credi che il Resistente stia infrangendo l’Ordine di Protezione e pensi che sia un’emergenza, chiama subito il 911. Se non siete sicuri che il Resistente stia davvero violando l’Ordine, o non vi sembra che sia un’emergenza, potete chiamare le forze dell’ordine locali al loro numero di non emergenza. Potrebbe essere utile salvare quel numero nel tuo telefono.

Quando la polizia arriva, è una buona idea scrivere il nome dell’ufficiale o degli ufficiali che rispondono e il loro numero di distintivo nel caso in cui si voglia seguire il caso. Assicurati che venga compilato un rapporto di polizia, anche se non viene effettuato alcun arresto. Se avete i rapporti della polizia di tutte le violazioni dell’ordine può essere utile se avete bisogno di chiedere al tribunale di estendere o cambiare l’ordine.

Può essere un crimine ogni volta che il Resistente infrange l’ordine. Per esempio, se il Resistente prova a chiamarvi e poi si presenta al vostro lavoro, può essere accusato di aver commesso due reati, non uno.

Non importa se il Resistente cerca di contattarvi attraverso qualcun altro o di persona. Anche se dite al convenuto che volete parlare, non gli è ancora permesso di rompere l’ordine di protezione. Il firmatario, la persona che ha chiesto l’ordine di protezione, non può violare l’ordine.

Tutti gli Ordini di Protezione hanno il seguente avvertimento:

“La violazione di questo ordine è un reato penale secondo il 45-5-220 o 45-5-626 e può comportare sanzioni fino a 10.000 dollari di multa e fino a 5 anni di prigione. Questo ordine è emesso dal tribunale, e al convenuto è vietato fare qualsiasi atto elencato nell’ordine, anche se invitato dal firmatario o da un’altra persona. Questo ordine può essere modificato solo da un ulteriore ordine di questa corte o di un’altra corte che assume la giurisdizione su questa materia.”

Come posso cambiare, estendere o cancellare il mio Ordine di Protezione?

Se hai bisogno di cambiare, estendere o cancellare il tuo Ordine di Protezione, dovrai presentare una Mozione e una Dichiarazione Affidabile alla Cancelleria della Corte dove il giudice ha emesso l’ordine. La mozione chiede alla Corte di considerare la tua richiesta. L’Affidavit è una dichiarazione giurata dei fatti che supportano ciò che stai chiedendo nella tua Mozione.

Puoi trovare il modulo per chiedere alla Corte di cambiare, estendere o cancellare il tuo Ordine di protezione su questo sito web.

Cosa succede se mi trasferisco?

La legge federale dice che tutte le forze dell’ordine devono dare “piena fiducia e credito” a un Ordine di Protezione valido. “Piena fede e credito” significa che tutte le forze dell’ordine devono applicare l’ordine ovunque si vada negli Stati Uniti, compresi i territori degli Stati Uniti e le terre tribali. In breve, l’ordine di protezione vi segue ovunque andiate.

È una buona idea mettersi in contatto con il programma per la violenza domestica o per le vittime del crimine nella vostra nuova area per scoprire quali passi dovete intraprendere affinché il vostro Ordine di Protezione possa essere fatto rispettare. Chiama il tribunale dove hai originariamente ricevuto l’ordine per comunicare il tuo nuovo indirizzo in modo che possano contattarti se necessario.