Lo sbiancamento dei denti è sicuro?

Lo sbiancamento dei denti può far male ai tuoi denti?

I metodi di sbiancamento dei denti sono stati implementati e valutati per decenni. Milioni di persone usano prodotti per lo sbiancamento dei denti. Infatti, si prevede che lo sbiancamento cosmetico dei denti sarà un’industria globale di 3,8 miliardi di dollari entro il 2021. L’American Dental Association (ADA) afferma che sono disponibili opzioni di sbiancamento dei denti sicure ed efficaci sia per applicazioni in studio che a casa e trattamenti da banco (OTC). Tuttavia, diversi effetti collaterali minori sono talvolta associati allo sbiancamento dei denti. Questi includono l’irritazione delle gengive, la sensibilità dei denti e l’impatto sui restauri dentali.

Irritazione delle gengive

Il perossido di idrogeno e il perossido di carbamide sono gli ingredienti attivi più comuni dei prodotti per lo sbiancamento dei denti. I trattamenti prescritti dal vostro dentista – sia che si tratti di una procedura in ufficio o di vaschette sbiancanti da portare a casa – contengono livelli più alti di questi agenti sbiancanti. Se lo sbiancante dovesse toccare le tue gengive, potrebbe causare irritazione. Tuttavia, il tuo dentista prende ulteriori precauzioni per proteggere il tuo tessuto gengivale. Durante le procedure in studio, verrà utilizzato un gel protettivo per proteggere le gengive dall’agente sbiancante. Allo stesso modo, le mascherine a casa sono personalizzate per adattarsi ai tuoi denti, in modo che il gel sbiancante tocchi le tue gengive il meno possibile. Se hai ancora dei problemi, l’irritazione dovrebbe guarire da sola.

Sensibilità dei denti

La sensibilità dei denti è un altro effetto collaterale comune di tutte le forme di sbiancamento dei denti. Secondo l’ADA, la sensibilità è probabilmente dovuta all’infiammazione della polpa dall’esposizione al perossido durante il trattamento. Molti fattori possono influenzare la gravità della sensibilità, compresa la concentrazione di perossido, la presenza di restauri o anche l’intensità della luce utilizzata. La sensibilità può risolversi da sola, ma in caso contrario, si può provare:

  • Spazzolare con un dentifricio fatto per denti sensibili
  • Utilizzare le strisce o le mascherine per un tempo più breve
  • Chiedere al proprio dentista un prodotto al fluoro per aiutare a rimineralizzare i denti
  • Mettere in pausa il processo di sbiancamento per diversi giorni per permettere ai denti di adattarsi

Effetti sui restauri dentali

Alcune ricerche suggeriscono che i trattamenti di sbiancamento possono avere effetti negativi sui restauri dentali. Tuttavia, questi effetti dipendono dal tipo di materiale utilizzato. Il perossido può accelerare la quantità di mercurio lisciviato dall’amalgama dentale, a seconda della concentrazione di perossido usata, del tempo di applicazione e dell’età dell’amalgama dentale. Tuttavia, la concentrazione di mercurio lisciviato è ancora al di sotto di un livello associato a possibili preoccupazioni per la salute. Inoltre, altri materiali – come quelli usati per le corone e gli impianti – mostrano la migliore resistenza al perossido. Se sei preoccupato per gli effetti dei trattamenti sbiancanti sui tuoi restauri dentali, parla con il tuo dentista dell’opzione migliore.