Le pause estive contro l’apprendimento lungo tutto l’anno

Per alcuni, l’apprendimento lungo tutto l’anno sembra un sogno. Per altri, un disastro.

L’istruzione per tutto l’anno significherebbe che i bambini rimangono occupati durante quelle che sarebbero le vacanze scolastiche. Piuttosto che dover trovare delle babysitter che sorveglino i bambini durante i turni di giorno, i genitori potrebbero semplicemente lasciarli a scuola e continuare con la solita routine.

Per gli studenti che approvano questo sistema, vorrebbe dire tempo extra con i loro amici durante la stagione estiva. Piuttosto che essere bloccati a casa durante i giorni feriali, aspettando che i genitori passino il fine settimana con loro, significherebbe che rimarrebbero occupati durante quelle che sarebbero le pause stagionali.

Per gli insegnanti che hanno già applicato l’anno scolastico al loro curriculum, potrebbe portare a risultati di test più alti, una maggiore partecipazione degli studenti e pacchetti di stipendio più grandi.

Love vedere questi @otmonarchs così impegnati nel loro apprendimento durante la scuola estiva! #SomosOT #112leads pic.twitter.com/iBXEPRYYww

– Amy Cengel (@AmyCengel) 8 luglio 2019

Ma quali svantaggi si accompagnano alla prospettiva di un apprendimento annuale?

Il mese scorso, un quotidiano statunitense ha posto questa esatta domanda a un bambino di quinta elementare di nome Ebrima Jallow.

Ai suoi occhi, le scuole che durano un anno lasciano una scia di stress e distruzione inutili, lasciando i bambini senza una pausa estiva o la possibilità di staccare la testa dai libri di testo.

“Alcuni genitori pensano che sia una grande cosa perché si ha un’alta possibilità di andare al college. Ma avere un’estate libera non è una cosa negativa. Avere un giorno libero dalla scuola aiuta gli insegnanti a riposarsi dall’insegnamento. Ad alcuni insegnanti piace perché vengono pagati di più. E anche gli studenti hanno bisogno di una pausa, anche i loro cervelli.

“I bambini nelle scuole tutto l’anno non hanno una pausa estiva. Non possono giocare con gli amici se non nella loro scuola”, esclama Ebrima.

Sottolineando gli svantaggi esistenti, lo studente di quinta considera gli effetti dell’apprendimento annuale da tutti i punti di vista.

“A volte una settimana di pausa dalla scuola non è sufficiente per gli insegnanti. Lavorano così duramente ogni giorno senza un solo riposo. È come se non finisse mai. Questo è quello che sarebbe nella scuola per tutto l’anno. Perché le vacanze di primavera sono come quattro giorni di vacanza dalla scuola. Passano così in fretta. Gli insegnanti hanno bisogno di quattro o otto settimane.

“E la mia terza ragione contro le scuole annuali è che i bambini non possono visitare il loro paese d’origine e alcuni non possono visitare i loro nonni o cugini. Non possono giocare con i loro amici a causa della scuola annuale”, aggiunge Ebrima.

È giusto aspettarsi che gli studenti lavorino durante le vacanze estive? Fonte:

Il tipico programma scolastico americano vede le scuole rimanere in sessione per circa nove mesi e mezzo prima di una vacanza estiva di due mesi e mezzo.

Hopewell City Public Schools in Virginia sta considerando un modello annuale che comporta “nove settimane di istruzione seguite da tre settimane di vacanza, due settimane di intersessione – progetti comunitari, campi e gite, tra le altre cose – o una combinazione dei due.”

Modellando il programma per adattarlo a un’agenda annuale, gli studenti della Hopewell avrebbero la libertà di trascorrere le loro estati con i compagni, partecipando ad attività extra-curriculari.

“Ogni bambino può beneficiare di questo”, ha detto la sovrintendente di Hopewell Melody Hackney al Richmond Times, “vedremo tutti questi risultati migliori per gli studenti che prevediamo e che la ricerca suggerisce che accadrà a Hopewell.”

È un’opinione in contrasto con quella di Ebrima, ma mostra che il dibattito a favore e contro la scuola annuale è ancora molto in atto.

Con vantaggi e svantaggi da entrambi i lati dello spettro, quale stile accademico preferisci?

Ti è piaciuto questo? Allora ti piacerà…

Da insegnante a ‘ingegnere dell’apprendimento’

Ridurre l’educazione verso l’apprendimento del 21° secolo