La salsa di soia deve essere refrigerata? Perché il nostro frigo sta per scoppiare

Tra sei tipi di senape, un barattolo di marmellata misteriosa e innumerevoli altri condimenti, stai cercando di infilare una bottiglia di salsa di soia delle dimensioni di Costco nella porta del tuo frigorifero. Ma la salsa di soia ha davvero bisogno di essere messa in frigo? Improvvisamente non sei più così sicuro (e non è solo perché il tuo frigorifero è troppo pieno). Amico, sei fortunato, ma permettici di spiegarti.

La salsa di soia ha bisogno di essere refrigerata?

La risposta breve? No, la salsa di soia non ha bisogno di essere messa in frigo… la maggior parte delle volte.

Una delle cose belle degli alimenti fermentati come la salsa di pesce e il miso è che tecnicamente possono essere lasciati fuori a temperatura ambiente per un certo tempo senza rovinarsi. Quei microrganismi presenti nel cibo non gli danno solo sapore, ma aiutano anche a conservarlo.

La salsa di soia è fatta da una pasta fermentata di semi di soia, grani tostati, salamoia (cioè acqua salata) e una muffa chiamata kōji. Il processo dura mesi, e il liquido salato marrone in realtà fermenta per lunghi periodi a temperatura ambiente. Quindi no, non c’è bisogno di metterlo in frigo. Non andrà a male a temperatura ambiente (pensate alle bustine che trovate con il vostro take away cinese: di solito non sono fredde). Potrebbe perdere un po’ di sapore ma non si guasterà, con alcune avvertenze.

Una bottiglia chiusa di salsa di soia può durare fino a due o tre anni (praticamente per sempre), e si può tranquillamente lasciare una bottiglia aperta fuori dal frigorifero fino a un anno. Ma se una bottiglia dura più a lungo nella vostra famiglia, probabilmente dovreste fare spazio tra gli altri condimenti refrigerati per preservare il sapore saporito e gustoso della salsa di soia.

Come conservare la salsa di soia a temperatura ambiente?

Proprio come l’olio d’oliva e i chicchi di caffè, la salsa di soia dovrebbe essere conservata lontano dal calore e dalla luce solare diretta. Un armadietto fresco e buio è una scelta migliore che accanto al vostro piano di cottura o sul davanzale della finestra, perché la luce e il calore ne degradano la qualità molto più velocemente. E se, per qualche motivo, hai deciso di usare una brocca da un litro di questa roba, ti suggeriamo di travasarla in una bottiglia più piccola e di conservare il resto in frigorifero (se ci sta bene).

Ci sono altri condimenti che posso tirare fuori dal frigo?

Ci puoi scommettere. La salsa piccante, un altro condimento fermentato, può rimanere nella dispensa (e questo include la sriracha). Lo stesso vale per il miele, che in realtà si cristallizza a basse temperature. E anche se il burro di arachidi e l’olio d’oliva durano più a lungo in frigorifero, tecnicamente possono rimanere a temperatura ambiente. Che cos’è? Hai bisogno di organizzare il tuo frigorifero? Bene, abbiamo capito.

RELATO: 12 cibi che non hai bisogno di mettere in frigo, dal burro alla salsa piccante