Intolleranza al lattosio: Millions of Americans Don’t Know They Have It

Lactose Intolerance

Ci siamo passati tutti. Ci siamo goduti il latte e i biscotti per cena, poi abbiamo deciso che un gelato e un film sono una bella idea. E a metà film il tuo stomaco inizia a fare rumori udibili, diventi eccessivamente gassoso, ti vengono i crampi allo stomaco e cammini più veloce del normale verso il bagno per cercare di alleviare il disagio. Potrebbe essere un’indigestione dovuta all’eccesso di cibo. Potrebbe anche essere intolleranza al lattosio. Dopo tutto, quasi il 70% della popolazione mondiale è intollerante al lattosio. Ma come? E perché? Soprattutto perché il latte materno è l’alimento raccomandato per il primo anno di vita del bambino. C’è così tanta differenza tra il latte di mucca e il latte materno?

Che cos’è l’intolleranza al lattosio?

Soprattutto per i neonati, il latte è visto come un alimento completo. Qualcosa che dà loro tutte le vitamine, i minerali e il nutrimento necessario per un bambino in via di sviluppo. Come adolescente, il latte può essere utile per soddisfare le linee guida nutrizionali perché il latte contiene vitamine, minerali, proteine, colesterolo e zuccheri. Ma sono gli ultimi due ingredienti che possono dare agli adolescenti e agli adulti problemi di digestione.

Soprattutto per i bambini, il latte è visto come un alimento completo. Qualcosa che dà loro tutte le vitamine, i minerali e la nutrizione necessaria per un bambino in via di sviluppo. Come adolescente, il latte può essere utile per soddisfare le linee guida nutrizionali perché . Ma sono gli ultimi due ingredienti che possono dare agli adolescenti e agli adulti problemi di digestione.

Soprattutto per i neonati, il latte è visto come un alimento completo. Qualcosa che dà loro tutte le vitamine, i minerali e la nutrizione necessaria per un bambino in via di sviluppo. Come adolescente, il latte può essere utile per soddisfare le linee guida nutrizionali perché. Ma sono gli ultimi due ingredienti che possono dare agli adolescenti e agli adulti problemi di digestione.

Il corpo umano ha bisogno di digerire gli alimenti per estrarre vitamine e minerali. Lo zucchero del latte, alias lattosio, ha bisogno di essere scomposto per essere digerito. Anche le proteine del latte, alias caseina o proteine del siero di latte, devono essere scisse per essere digerite. Tuttavia, non tutti digeriscono bene o per niente il latte o le proteine.

Quante persone sono intolleranti al lattosio?

Le stime dell’intolleranza al lattosio variano in base all’etnia. Le etnie afroamericane e asiatiche hanno un tasso di intolleranza al lattosio del 75% – 95%, mentre gli europei del nord hanno un tasso più basso del 18% – 26% di intolleranza al lattosio. Per alcune persone, bere il latte con i cereali del mattino è tutto il latte di cui hanno bisogno per la giornata. Altre persone hanno una ciotola di gelato per finire la giornata. Se la combinazione di questi due risultati provoca crampi allo stomaco o brividi, o una corsa d’emergenza alle 3 del mattino per andare in bagno, probabilmente si può concludere che non digerisci il latte di mucca così bene come potresti. State tranquilli, siete in buona compagnia.

L’intolleranza al lattosio è ereditata geneticamente?

Geneticamente, è probabile che tu abbia ereditato la tua intolleranza al lattosio dai tuoi genitori, e loro l’hanno ereditata dai loro. Per la maggior parte delle persone, l’intolleranza al lattosio inizia a svilupparsi da bambini e diventa più forte man mano che si cresce, perché il corpo riduce o elimina la produzione di lattasi, la sostanza chimica che scompone lo zucchero del latte.

È anche importante notare che quando si parla di intolleranza al lattosio, spesso si usa un termine collettivo per descrivere alcuni disturbi nettamente diversi come la maldigestione, l’intolleranza o la risposta allergica al latte vaccino o ai prodotti lattiero-caseari. Il latte di mucca riceve la maggior parte dell’attenzione perché sembra essere il maggior colpevole, con yogurt e formaggi che contribuiscono in misura molto minore.

Come posso dire se sono intollerante al lattosio?

Il test per l’intolleranza al lattosio può essere fatto in diversi modi; la maggior parte viene eseguita nell’ufficio di un medico o in laboratorio. C’è un test del respiro in cui si beve una soluzione di acqua e lattosio, poi si aspetta di avere il test del respiro per alti livelli di idrogeno. Ci vogliono un paio d’ore. Un’altra opzione è quella di avere alcuni diversi prelievi di sangue per vedere se i livelli di glucosio nel sangue sono elevati, ma questo richiede alcune punture d’ago quindi la maggior parte delle persone opta per il test del respiro. È possibile avere le feci (ovvero la cacca) testate per l’acidità, avere una biopsia intestinale, o avere un test cromatografico fatto sulla cacca. Se tutte queste opzioni sembrano complicate, beh, è perché lo sono. Il modo più semplice per vedere se sei intollerante al lattosio è fare il tuo test.

Consuma latticini in diverse quantità e vedi come ti senti 30-90 minuti dopo il consumo. Anche con l’intolleranza al lattosio, la maggior parte delle persone può digerire piccole quantità di latte di mucca senza avere sintomi gravi. Una tazza di latte (otto once) è una buona soglia di prova per un giorno di consumo. Poi vedi come ti senti. Questo vi darà un livello di quanti latticini potete tollerare nella vostra dieta. Man mano che rimani senza sintomi, aggiungi latticini alla tua dieta per trovare la tua soglia. Questa soglia può cambiare nel tempo, quindi sii consapevole di come il tuo corpo si sente dopo aver consumato latticini.

Quali sono i sintomi dell’intolleranza al lattosio?

Perché i sintomi dell’intolleranza al lattosio variano a seconda degli individui, è necessario capire cosa fa il latte di mucca al tuo corpo. Alcune persone si lamentano di sintomi minori come quantità eccessive di gas o rumori di stomaco udibili, mentre altri soffrono di sintomi più gravi come crampi dolorosi o diarrea esplosiva. In entrambi i casi, è importante capire la dose di risposta dei latticini al tuo livello di intolleranza al lattosio. E tenete a mente che queste cose possono cambiare man mano che invecchiate.

Il formaggio a pasta filata vi fa male allo stomaco? Probabilmente no. Mangiare un’intera pizza ti manda lo stomaco in crisi? Forse. Bere un enorme bicchiere di latte per avere più proteine ti fa venire i crampi allo stomaco e la diarrea esplosiva? Probabilmente sì. Quindi, se stai assumendo troppi latticini e il tuo corpo sta reagendo come una guerra civile nel tuo stomaco, dovresti ridurre o eliminare il tuo consumo di latticini per trattare bene il tuo corpo. Come raccomanda il Physicians Committee for Responsible Medicine, non c’è motivo per le persone con intolleranza al lattosio di spingersi a bere latte.

Come posso aumentare la mia tolleranza ai prodotti a base di lattosio?

Alcune persone hanno voglia di latte e lo vogliono ad ogni pasto. Se sei intollerante al lattosio, ma non vuoi rinunciare ai latticini, hai alcune opzioni. Una piccola pillola di lattosio presa con un pasto contenente latticini può aiutarti a digerire il latte. Alcune persone consigliano di provare ad aumentare la tua tolleranza ai latticini con alcuni semplici consigli. Bevi il latte con altri cibi invece che a stomaco vuoto, in modo che venga digerito più facilmente. Considera porzioni più piccole, poi aumenta gradualmente il livello di latte che bevi. Prova il latte intero invece di quello scremato perché il grasso può aiutare il passaggio dei latticini attraverso il tuo sistema digestivo. Ricorda anche che il latte di mucca non è l’unico modo per introdurre il calcio e altri nutrienti nel tuo corpo.

Opzioni ricche di calcio che non sono il latte di mucca

Non è l’unica opzione per trattare l’intolleranza al lattosio. I formaggi duri, come il cheddar, hanno una bassa quantità di lattasi, quindi spesso possono essere consumati senza gli effetti collaterali associati al latte. Anche gli yogurt hanno dei probiotici che aiutano la digestione. Considerate anche il latte di capra, perché il latte di capra è il più simile al latte di mucca e contiene quantità inferiori di proteine del latte responsabili delle allergie al latte, quindi è generalmente più tollerato. Come per tutti i prodotti animali, il colesterolo è una preoccupazione, ma molte alternative al latte di mucca sono nate per aiutare le persone a consumare latte senza lattosio che non proviene da una mucca.

Alternative non casearie al latte di mucca

Intolleranza al lattosio 2

Diciamo alcune alternative al latte di mucca. Se proviene da una pianta, è in gran parte migliore per te perché non hai il colesterolo che normalmente si trova nei prodotti animali (come il latte di mucca). Simile al latte nella forma e nella funzione, ogni opzione di latte vegetale ha un profilo di gusto unico. Alcune persone amano il gusto del latte di mandorla. Alcune persone lo trovano troppo noccioloso. Lo saprai dopo averli provati per qualche giorno e aver imparato a farci l’abitudine.

  • Il latte di mandorla si ottiene macinando le mandorle con acqua e filtrando la polpa. È ricco di calcio e di grassi monoinsaturi, un olio che protegge il cuore, e ha poche calorie.
  • Il latte di cocco si ottiene unendo la carne grattugiata di una noce di cocco matura con acqua. È spesso usato in ricette di cucina e può anche essere usato come bevanda.
  • Il latte di canapa è fatto con semi di canapa ammollati in acqua. Assomiglia a una crema, ed è spesso usato nelle caffetterie come sostituto per le persone intolleranti o allergiche al latte di mucca o di soia.
  • Il latte d’avena è fatto con chicchi d’avena mondati e acqua. Ha una buona nutrizione e include più calcio di una tipica tazza di latte.
  • Il latte di riso è fatto dalla macinazione del riso integrale. È spesso fortificato con calcio per eguagliare i livelli che si trovano nel latte di mucca, in modo da ottenere più nutrienti e un gusto simile.
  • Il latte di soia si ottiene mettendo a bagno i semi di soia essiccati e macinandoli in acqua. Popolare per bere e cucinare, il latte di soia è un sostituto popolare con un buon contenuto nutrizionale.

Dove posso integrare la nutrizione dal latte?

Come per qualsiasi parte della tua dieta attuale, i latticini possono essere rimossi senza troppi problemi. Poiché il latte è fortificato con vitamina D ed è una buona fonte di calcio, è importante assicurarsi di assumere questi nutrienti nella propria dieta. La buona notizia è che il calcio è facile da ottenere da verdure a foglia verde, edamame proteico o altri fagioli o piselli, pesce nutriente o altre fonti. Se stai soddisfacendo i tuoi bisogni nutrizionali, non c’è un vero svantaggio nel tagliare il latte dalla tua dieta. Eliminare il latte di mucca è certamente meglio che soffrire per i dolorosi crampi, l’eccessivo gas, i rumori di stomaco udibili e la diarrea esplosiva che possono accompagnare l’intolleranza al lattosio.

Dove devo andare da qui?

  • Se sei preoccupato di essere intollerante al lattosio, fai i tuoi test per vedere quanto latte o latticini puoi consumare senza avere sintomi.
  • Se il latte è qualcosa che desideri, considera l’acquisto di pillole di lattasi da prendere con i prodotti lattiero-caseari, o prova a costruire la tua tolleranza ad esso con piccole dosi.
  • Considera un cambio di dieta per trovare qualcosa di simile al latte di mucca che ti piace, come il latte di mandorla.
  • Se avete domande persistenti, parlate con il vostro medico al vostro prossimo appuntamento in modo da potervi dare un’attenzione personalizzata.