Interessi passivi: Definizione, esempio, formula e spiegazione

Definizione:

Gli interessi passivi che si registrano nel conto economico si riferiscono ai costi addebitati all’entità dalla banca, dal creditore e da altri finanziatori come risultato del prestito di fondi per periodi di tempo. Questi prestiti includono obbligazioni, prestiti, debito convertibile e credito a carico.

Le spese di interesse sono parzialmente deducibili dalle tasse e l’importo addebitato in base al tasso concordato. Nel conto economico, è registrato separatamente dall’operazione se il conto economico usa il conto economico a più fasi.

Ma se usa un conto economico a una fase, è registrato nella sezione delle spese. Gli interessi passivi sono normalmente dovuti per il pagamento entro un periodo di meno di 12 mesi e il saldo rimanente è registrato sotto la passività corrente nello stato patrimoniale.

Spiegazione:

Gli interessi passivi qui non sono né le spese che l’entità ha pagato durante il periodo né le spese passive che l’entità intende pagare. Sono gli interessi passivi che si sono verificati e devono essere registrati nel periodo di riferimento.

Basato sul principio di competenza. Se tutti gli interessi passivi che dovrebbero essere registrati nel periodo sono pagati, ciò significa che non ci saranno interessi passivi nello stato patrimoniale.

Tuttavia, se una parte delle spese viene pagata, allora l’importo rimanente dovrebbe essere riportato nello stato patrimoniale. Nel conto economico, lo IASB ha richiesto le sue registrazioni separatamente perché aiuta il lettore e gli investitori a valutare se il reddito operativo potrebbe coprire le spese di interesse o quello. E il rapporto che viene usato per valutare questo è il rapporto di interesse temporale.

Le spese di interesse sono anche usate dalla maggior parte degli analisti per studiare il rapporto di copertura degli interessi su come l’entità potrebbe eventualmente gestire le spese di interesse usando l’utile prima degli interessi e delle tasse.

Se gli interessi passivi aumentano, l’entità potrebbe avere difficoltà a pagare utilizzando l’utile. Questa è la principale preoccupazione degli investitori.

L’aumento o la diminuzione di queste spese è influenzata dal conto economico e dallo stato patrimoniale nella stessa direzione delle altre spese.

Per esempio, l’aumento sarà a debito nel conto economico e a credito nello stato patrimoniale. E la diminuzione del loro pagamento sarà a debito delle attività di credito nel bilancio.

Formula e calcolo

Ci sono molti fattori che influenzano le spese. Questi includono il principio e il tasso di interesse. Le spese possono essere calcolate in base alla seguente formula,

Spese per interessi = Principio * Tasso di interesse * Periodo

  • Il principio è l’importo totale che l’entità deve al suo debitore
  • Il tasso di interesse è il tasso concordato addebitato all’entità dal suo debitore
  • Il periodo può essere quotidiano, settimanale, mensile e annuale

Esempio:

Per esempio, l’entità prende in prestito denaro dalla banca per sostenere la sua attività commerciale. Il principio del prestito è di 500.000 USD e il tasso d’interesse annuale è del 12%. L’interesse passivo per l’intero anno sarà di 60.000 USD.

Durante l’anno, l’entità ha pagato gli interessi alla banca per un importo di 40.000 USD e alla fine del periodo, l’interesse passivo ammonta a 20.000 USD.

In base a questo esempio, gli interessi passivi che dovrebbero essere registrati nel conto economico sono 60.000 USD. E l’importo che dovrebbe essere riportato nello stato patrimoniale alla fine del periodo è di 20.000 USD.

Dovrebbe essere registrato nella sezione delle passività correnti se questi debiti sono previsti per essere pagati nei prossimi 12 mesi. Tuttavia, se si prevede che una parte di essi venga pagata in più di 12 mesi, allora quella parte viene registrata nella sezione delle passività non correnti.

Gli interessi passivi sono un’attività o una passività?

Gli interessi passivi sono le spese non operative che normalmente non vengono riportate nello stato patrimoniale del bilancio dell’entità.

È la voce P&L e si presenta solo nel conto economico e nella nota ad esso se la natura e l’importo sono rilevanti e la nota è utile al lettore. Gli interessi passivi non sono né spese né passività.

Gli interessi passivi sono una spesa prepagata?

In realtà dipende dalle operazioni di pagamento effettive dell’azienda che si allineano alla condizione di pagamento con il prestatore. Se l’azienda paga l’interesse nel prossimo periodo in anticipo al prestatore, allora il pagamento sarà considerato come attività che sono classificate come spese di interesse prepagate.

E se gli interessi passivi del periodo corrente saranno pagati nel prossimo periodo contabile, allora l’azienda dovrebbe riconoscere gli interessi passivi nel conto economico e gli interessi passivi nello stato patrimoniale.