Il football e la bistecca hanno reso Mike Ditka un uomo molto ricco

Sarebbe difficile trovare una persona con più riconoscimenti nella NFL rispetto all’Hall of Famer Mike Ditka. Non solo era un tight end superstar durante i suoi primi giorni come membro dei Chicago Bears, ma era anche un allenatore leggendario che ha guidato la stessa franchigia ad un Super Bowl come allenatore. Di conseguenza, Ditka si è fatto una vita sana che gli è durata fino alla vecchiaia.

Mike Ditka che allena i Chicago Bears durante una partita NFL
Mike Ditka sulla linea laterale durante una partita dei Bears | Focus on Sport/Getty Images

Mike Ditka come giocatore

Ditka ha passato metà dei suoi 12 anni di carriera con i Bears.anni di carriera con i Bears. Lì, ha avuto il suo impatto quasi immediatamente. Estratto da Pittsburgh come quinta scelta assoluta del Draft NFL del 1961, l’impatto di Ditka fu subito sentito. Come membro della NFL prima della sua fusione con la AFL, Ditka fu anche draftato dagli Houston Oilers ma alla fine scelse Chicago.

Ditka non perse tempo a far sapere alla NFL quanto fosse bravo. Ricevette 1.076 come rookie e registrò 12 touchdown, entrambi massimi in carriera. Nonostante non abbia mai più raggiunto questi punteggi, tuttavia, Ditka ha mostrato cosa serve per essere un giocatore superstar.

Nel 1963 e 1964, era un tight end All-Pro e il volto di un campione del Super Bowl. Anche se la sua carriera di giocatore con i Bears finì dopo sei anni, il suo rapporto con la squadra era appena iniziato.

Ditka ha giocato due anni a Philadelphia prima di finire la sua carriera con un periodo di quattro anni a Dallas. Lì ha trascorso la maggior parte del suo tempo uscendo dalla panchina prima di mantenere un ruolo da titolare durante la sua ultima stagione.

Nonostante alcuni buoni anni dopo Chicago, tuttavia, Ditka ha sempre avuto un punto debole per il posto dove ha iniziato la sua carriera. Ci sarebbero voluti diversi anni per una riunione, tuttavia.

Mike Ditka come allenatore

RELATO: Cosa è successo a Jim McMahon, il ‘Punky QB’ dei Chicago Bears?

Nel 1973, dopo solo un anno lontano dal football, Ditka tornò nella NFL come assistente capo allenatore sotto il leggendario allenatore dei Cowboys Tom Landry. Ditka conosceva il sistema di Landry dopo avervi trascorso gli ultimi quattro anni della sua carriera, e divenne rapidamente una merce preziosa nei circoli degli allenatori. Nel 1982, i suoi amati Bears hanno avuto un’apertura, e la vita di Ditka non sarebbe più stata la stessa.

Quando Ditka ha accettato un ruolo come capo allenatore dei Bears, nulla era certo. La squadra stava cercando il prossimo capitolo della sua storia e le cose non sembravano buone per le loro prospettive immediate. Nonostante questo, Ditka accese un fuoco sotto di loro. Con Jim McMahon alla guida dell’attacco, Ditka contribuì a dare ai Bears una cultura vincente che viene celebrata ancora oggi.

Nel 1985, il duro lavoro fu ripagato. Ditka e i Bears vinsero il Super Bowl del 1985 e nacque una leggenda. Anche se i Bears non sono riusciti a ripetere il successo del Super Bowl, sono rimasti contendenti per tutti gli anni ’80.

Nel 1992, però, dopo una stagione 5-11, i Bears licenziarono Ditka. Alla fine tornò nella NFL come allenatore per tre anni dei New Orleans Saints, ma non fu mai in grado di tornare a vincere.

Successo fuori dal campo

RELATO: Il patrimonio netto e l’impero di Kevin Durant sono più grandi di quanto pensiate

Mike Ditka è sempre stato una personalità che sparava oltre al calcio. Questo lo ha reso un naturale per il lavoro lontano dal campo. Ditka è stato il volto di diversi prodotti nel corso degli anni e mantiene un reddito sano grazie al lavoro televisivo sia nelle partite della NFL che in altre apparizioni. Ha anche ottenuto alcuni ruoli da attore, come la commedia di Will Ferrell Kicking and Screaming, in cui Ditka interpreta una versione di se stesso.

A parte il carisma, però, è un abile uomo d’affari. Ditka è uno dei primi esempi di ciò che accade quando una personalità sportiva può trasformare questo in altro successo. Le sue steakhouse, che propone costantemente in televisione, sono tra le imprese di maggior successo nel loro genere.

Quanto vale Mike Ditka?

Con una carriera da Hall of Fame sia come allenatore che come giocatore, Ditka è il primo esempio di un atleta e di un allenatore che prende i propri talenti ed esplora le opportunità che ne derivano.

Come tale, sta facendo abbastanza bene, con un valore netto di oltre 30 milioni di dollari a partire dal 2020, secondo Celebrity Net Worth. La sua personalità combinata con la leggenda dietro la sua reputazione lo ha reso un candidato ideale per l’analisi del calcio, i concerti di intrattenimento e la sponsorizzazione di prodotti in tutto il paese.