I benefici della mammografia tridimensionale durano nel tempo

La mammografia tridimensionale (chiamata anche tomosintesi mammaria digitale, tomosintesi digitale, o semplicemente tomosintesi) crea un’immagine tridimensionale del seno usando i raggi X. Diverse immagini a bassa dose da diverse angolazioni intorno al seno sono utilizzate per creare l’immagine 3-D.

Mammografia 2D vs 3D

Una mammografia convenzionale crea un’immagine bidimensionale del seno da due immagini a raggi X di ogni seno.

La mammografia tridimensionale è approvata dalla U.S. Food and Drug Administration, ma non è ancora considerata lo standard di cura per lo screening del cancro al seno. Poiché è relativamente nuova, non è disponibile in tutti gli ospedali e le strutture di mammografia.

Ancora, la tecnologia della mammografia 3-D sembra essere adottata più velocemente negli Stati Uniti rispetto alla mammografia digitale – il 50% delle strutture del Breast Cancer Surveillance Consortium ora offre mammografie 3-D. Il Breast Cancer Surveillance Consortium è una rete collaborativa di sette registri mammografici con collegamenti ai registri tumorali e/o patologici. La rete fa parte del National Cancer Institute.

Diversi studi hanno trovato che le mammografie 3-D trovano più cancri delle tradizionali mammografie 2-D e riducono anche il numero di falsi positivi. Tuttavia, questi studi non hanno esaminato lo screening mammografico 3-D nel tempo.

Un falso positivo è quando una mammografia mostra un’area anormale che sembra un cancro ma si rivela essere normale. In definitiva, la notizia è buona: nessun cancro al seno. Ma l’area sospetta di solito richiede un follow-up con più di un medico, test extra e procedure extra, compresa una possibile biopsia. Ci sono costi psicologici, fisici ed economici che vengono con un falso positivo.

Il tasso di falsi positivi ha contribuito ad alimentare il dibattito in corso sul valore delle mammografie di screening.

Uno studio che esamina 3 anni di dati sullo screening del cancro al seno con mammografie 3-D ha scoperto che i benefici delle mammografie 3-D durano nel tempo.

Lo studio è stato pubblicato online il 18 febbraio 2016 da JAMA Oncology. Leggi l’abstract di “Effectiveness of Digital Breast Tomosynthesis Compared With Digital Mammography: Outcomes Analysis From 3 Years of Breast Cancer Screening.”

“Questi risultati riaffermano che la mammografia 3-D è una mammografia migliore per lo screening del cancro al seno”, ha detto Emily Conant, M.D., capo dell’imaging del seno presso la Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania, che era l’autore senior dello studio. La dottoressa Conant è anche membro del comitato consultivo professionale di Breastcancer.org. “Questi risultati sono un passo importante per informare le politiche in modo che tutte le donne possano ricevere la mammografia 3-D per lo screening.”

Nello studio, i ricercatori hanno analizzato 44.468 mammografie di screening di 23.958 donne che non avevano mai avuto una diagnosi di cancro al seno. Da settembre 2010 ad agosto 2011, tutte le donne sono state sottoposte a screening solo con mammografie digitali 2-D. Per i 3 anni successivi, le donne sono state sottoposte a screening con mammografie 3-D.

I ricercatori hanno confrontato le differenze nei risultati dello screening tra ogni anno di mammografia 3-D e l’anno di mammografia digitale 2-D. Hanno anche confrontato le differenze nei risultati tra le donne che hanno avuto una, due o tre mammografie 3-D.

I tassi di donne che sono dovute tornare per ulteriori test sono aumentati leggermente ogni anno per le donne che hanno avuto mammografie 3-D:

  • tasso di richiamo del primo anno: 88 per 1.000 donne sottoposte a screening
  • tasso di richiamo al secondo anno: 90 per 1.000 donne esaminate
  • tasso di richiamo del terzo anno: 92 per 1.000 donne esaminate

Ancora, questi tassi erano molto più bassi del tasso di richiamo di 104 per 1.000 donne esaminate per le mammografie 2-D. Questa differenza era statisticamente significativa, il che significa che era probabilmente a causa della differenza nella tecnica di screening piuttosto che solo a causa del caso.

Il tasso di tumori trovati nelle donne che sono state richiamate per ulteriori test è salito nelle donne che hanno avuto mammografie 3-D rispetto alle donne che hanno avuto mammografie 2-D – significa che le mammografie 3-D hanno trovato più tumori delle mammografie 2-D. I tassi di individuazione del cancro nelle donne che sono state richiamate per ulteriori test erano:

  • 4,4% nelle donne che avevano mammografie 2-D
  • 6,2% nel primo anno di mammografie 3-D
  • 6,5% nel secondo anno di mammografie 3-D
  • 6.7% nel terzo anno di mammografie 3-D

Quando i ricercatori hanno confrontato i tassi di richiamo tra le donne che hanno avuto una, due o tre mammografie 3-D, hanno scoperto che questi tassi scendevano man mano che le donne avevano più mammografie 3-D. I tassi di richiamo erano:

  • 130 per 1.000 donne sottoposte a screening per le donne che avevano una mammografia 3-D
  • 78 per 1.000 donne sottoposte a screening per le donne che avevano due mammografie 3-D
  • 59 per 1.000 donne sottoposte a screening per le donne che avevano tre mammografie 3-D

I cancri di intervallo sono cancri che vengono trovati entro 12 mesi dopo una mammografia normale. Il tasso di cancri di intervallo è sceso leggermente da 0,7 per 1.000 donne esaminate con mammografie 2-D a 0,5 per 1.000 donne esaminate con mammografie 3-D.

Gli autori hanno detto che lo studio fornisce la prima prova longitudinale che i benefici dello screening mammografico 3-D iniziale possono essere sostenuti e migliorati nel tempo con uno screening mammografico 3-D consecutivo.

Questi risultati sono molto eccitanti e possono aiutare la mammografia 3-D a diventare parte dello screening di routine del cancro al seno.

Per saperne di più sulla mammografia 3-D, compreso come si fa e come è diversa dalla mammografia 2-D, visitare la pagina Breastcancer.org Digital Tomosynthesis.

Questo articolo è stato utile? Sì / No

Icona Rn

Possiamo aiutarti a guidare?

Crea un profilo per avere migliori raccomandazioni

  • Autoesame del seno

    L’autoesame del seno, o l’esame regolare del tuo seno da sola, può essere un modo importante per…

  • Tamoxifene (Nomi commerciali: Nolvadex, Soltamox)

    Tamoxifene è il più antico e più prescritto modulatore selettivo del recettore degli estrogeni (SERM)….

  • Cancro al seno triplo-negativo

    Il cancro al seno triplo-negativo è un cancro che risulta negativo ai recettori degli estrogeni, al progesterone…

Come funziona? Per saperne di più

Queste raccomandazioni sono utili? Fai un rapido sondaggio

Pubblicato il 27 febbraio 2016 alle 4:46 AM