Glicogenesi

Definizione
noun
Il processo metabolico di produzione di glicogeno dal glucosio per essere immagazzinato principalmente nelle cellule epatiche e muscolari in risposta ad un alto livello di glucosio nel sangue
Supplemento
Negli esseri umani e in molti altri animali, la glicogenesi è il processo in cui il glicogeno viene prodotto per essere immagazzinato principalmente nelle cellule epatiche e muscolari. I polimeri corti di glucosio sono convertiti in polimeri lunghi. Il corpo non utilizza direttamente il glucosio esogeno, cioè proveniente da un pasto contenente carboidrati. Invece, il corpo immagazzina il glucosio in glicogeno all’interno delle cellule attraverso il processo di glicogenesi. E quando il corpo richiede energia metabolica, il glicogeno viene scomposto in subunità di glucosio attraverso il processo di glicogenolisi. Quindi, la glicogenesi è il processo opposto della glicogenolisi.
La glicogenesi inizia nel glucosio che viene fosforilato per diventare glucosio-6-fosfato attraverso gli enzimi esochinasi nel muscolo e glucochinasi nel fegato. Le fasi successive del processo sono le seguenti:

  • Glucosio-6-fosfato (dalla fosfoglucomutasi) -> Glucosio-1- fosfato
  • Glucosio-1-fosfato + UTP (da UDP-glucosio pirofosforilasi) -> UDP-glucosio + PPi
  • PPi + H2O -> 2Pi
  • UDP-glucosio + Glycogenn (dalla glicogeno sintasi) -> Glycogenn+1 + UDP
  • UDP + ATP -> UTP + ADP

Quando la catena si allunga ad un minimo di 11 residui, l’enzima di ramificazione amilo-1,4-1,6-transglucosidasi trasferisce una parte della catena ad una catena vicina, stabilendo così un punto di ramificazione nella molecola.1
Compara:

  • glicogenolisi
  • gluconeogenesi

Vedi anche:

  • glicogeno
  • glucosio
  • insulina