Ferne per luoghi soleggiati

Le felci stanno godendo di un aumento di popolarità in questi giorni. Usare le felci come ornamentali da giardino non è un concetto nuovo. La mania delle felci del Regno Unito dell’epoca vittoriana (coniata ‘pteridomania’) sembrava essere il punto di partenza con la scoperta di centinaia di forme uniche di felci native. Al volgere del secolo, la mania si placò e le felci, pur non cadendo completamente fuori moda, sembrarono perdere la loro scintilla. Le felci divennero una pianta del giardiniere specializzato. Negli anni ’80 e ’90, le felci hanno ricominciato a guadagnare popolarità. La scoperta di nuove specie in Cina, specialmente quelle con fronde più colorate con tocchi di grigio, rosso e vino, alzò improvvisamente la posta in gioco. L’attuale aumento di popolarità delle felci segue le orme dell’attuale mania delle Hosta. Le Hosta sono forse le prime piante da fogliame coltivate dai giardinieri e con la loro tolleranza al sole o all’ombra (a seconda della selezione), possono essere utilizzate in una miriade di situazioni di giardino. Tuttavia, i giardinieri avevano bisogno di alcune piante per contrastare le loro collezioni di Hosta in continua crescita. Le felci erano la scelta più ovvia. Oggi, le felci ancora una volta stanno diventando un pilastro nella scena del giardino.

La maggior parte dei giardinieri associa le felci all’ombra. Certamente, la grande maggioranza cresce all’ombra delle foreste e degli affioramenti rocciosi. Per i giardini con problemi d’ombra, le felci sono altamente raccomandate. Ma non tutti i giardinieri hanno a che fare con l’ombra e tuttavia vorrebbero incorporare le felci nella progettazione del paesaggio. Ci sono felci che possono tollerare molto sole? La risposta è sì! Tuttavia, sono necessarie alcune modifiche del terreno per avere successo.

La chiave per far crescere le felci al sole è mantenere un’adeguata umidità del terreno. Molte felci crescono all’ombra semplicemente perché il terreno rimane più umido che in pieno sole. Se avete una zona di coltivazione dove il terreno rimane umido, allora le felci al sole sono una possibilità distinta. Un terreno altamente organico aiuterà a garantire una migliore umidità del suolo. Forse avete una tasca umida naturale o un ruscello che attraversa la vostra proprietà. Forse avete un sistema di irrigazione che aiuta a mantenere il terreno uniformemente umido. Alcuni giardinieri hanno anche giardini paludosi artificiali. Ognuna di queste situazioni può permettere alle felci di essere coltivate in situazioni di pieno sole, specialmente nei giardini più a nord. Nei giardini del sud, il sole di mezzogiorno è probabilmente ancora troppo intenso, ma finché le felci sono ombreggiate a mezzogiorno, possono tollerare il sole del mattino e del tardo pomeriggio. Mentre molte felci possono sopportare un sole considerevole se il terreno rimane uniformemente umido, alcune sono meglio di altre. Ecco alcune delle specie più tolleranti al sole.

Il genere Osmunda contiene solo tre specie: la felce cannella, O. cinnamomea, la felce interrotta, O. claytoniana e la felce reale, O. regalis. Tutte queste felci preferiscono siti umidi o bagnati. Le felci reali sono note per crescere effettivamente nell’acqua che scorre nei ruscelli. A causa della loro elevata esigenza di umidità, queste specie non tollerano la siccità, ma tollerano il pieno sole. Infatti, nella mia zona, le felci cannella crescono tipicamente in pieno sole. Sono anche molto tolleranti al vento e crescono abbastanza vicino all’oceano. Anche le felci reali tollerano il pieno sole pomeridiano e hanno il vantaggio di una crescita primaverile color bronzo. La felce interrotta sembra apprezzare l’ombra dal sole di mezzogiorno, ma certamente tollererà il pieno sole del mattino. Tutte queste specie sono decidue e diventano belle sfumature di giallo, rame e bronzo in autunno. Queste non sono felci piccole; la maggior parte raggiunge almeno i 3 piedi, ma non sono corridori, piuttosto formano grandi ciuffi simili a vasi. Sono resistenti almeno fino alla zona 3.

ImmagineImmagineImmagine

Dettagli della felce cannella

ImageImage

In alto a sinistra la felce reale mentre a destra la felce interrotta

Tra il genere Athyrium, la specie migliore per il sole è la lady fern, A. filix-femina. Ci sono molti nomi di cultivar di questa felce, molti dei quali risalgono alla mania delle felci dell’epoca vittoriana (questa era la felce più popolare all’epoca). Nei climi più caldi, un po’ di protezione dal sole più caldo di mezzogiorno sarà di grande aiuto per prevenire l’imbrunimento dei bordi delle fronde. Di nuovo, localmente, questa felce cresce spesso su promontori aperti ed esposti vicino all’oceano e sulle cime delle montagne esposte. Si tratta di una felce decidua di medie dimensioni che raggiunge circa 2 piedi ed è resistente fino alla zona 4. Forse nei climi più caldi sarebbe meglio coltivare la lady-fern meridionale, A. asplenioides in quanto è in grado di affrontare meglio il sole e il calore (sempre supponendo che il terreno rimanga umido).

ImmagineImmagine

ImmagineImmagine

Sopra c’è la tipica lady fern mentre sotto ci sono alcune delle cultivar più interessanti ‘Frizelliae’ e ‘Victoriae’

La comune felce struzzo, Matteucia struthiopteris, ha fama di essere molto tollerante al sole. Io coltivo la mia in pieno sole, ma non ho il calore eccessivo delle zone più interne del Nord America. Mi aspetto che un po’ d’ombra nelle ore più calde della giornata possa essere consigliata nelle zone calde. Poche felci sono così architettoniche. Il portamento alto (fino a 5 piedi), stretto, simile a un vaso e il colore verde brillante sono superbi. A volte questa felce corre e produce nuove piante a distanze variabili dal genitore, quindi ha il potenziale per essere un po ‘di un parassita, ma in genere è facile da controllare. Questa felce della zona 3 è decidua.

ImmagineImmagine

Ferna dello struzzo all’inizio e alla fine della stagione

Sia la felce maschio, Dryopteris filix-mas, che la felce squamosa (dorata) maschio, D. affinis, sono tra le specie di felci sempreverdi più tolleranti al sole. Entrambe sono raggruppatrici e possono raggiungere dimensioni considerevoli con fronde che raggiungono i 4 o 5 piedi. Le fronde sono abbastanza coriacee e di un verde intenso. Ci sono molte selezioni di specie nominate. Come la lady fern, molte di queste selezioni risalgono all’epoca vittoriana. Entrambe le specie sono resistenti fino alla zona 4.

ImmagineImmagineImmagine

Ferna maschio (a sinistra), la cultivar ‘Cristata’ (al centro) e la felce maschio squamosa (a destra)

Nel sud, una felce eccellente per il sole umido è la felce scudo meridionale, Thelypteris kunthii. Non solo tollerano il sole, ma possono facilmente far fronte a calore e umidità elevati. Questa felce che corre da lenta a moderata è decidua e scompare in inverno. Le fronde raggiungono dai 2 ai 4 piedi. Nel corso del tempo, l’abitudine di diffusione di questa felce si presterà ad essere un adatto groundcover. Sono resistenti solo a nord fino alla zona 7.

Un’altra buona felce tollerante al sole per i climi meridionali è la felce del legno meridionale o felce scudo della Florida, Dryopteris ludoviciana. Questa felce è semi-sempreverde con fronde che raggiungono i 4 piedi. Si diffonde lentamente per formare una ragionevole copertura del terreno. E’ un po’ più resistente della felce scudo meridionale, essendo resistente fino alla zona 6.

ImmagineImmagine

Ferna del legno meridionale (sinistra) e felce scudo meridionale (destra)

La felce di Braken, Pteridium aquilinum, può certamente tollerare il pieno sole e preferisce il sole all’ombra. È con qualche riserva che menziono questa specie perché è molto aggressiva e di rapida diffusione. Dal rizoma nascono grandi fronde individuali di forma triangolare in cima a steli da 2 a 5 piedi. È una specie decidua e può effettivamente tollerare un po’ di siccità. Usatela in aree dove la sua natura vivace non competerà con i vicini più timidi. In autunno, le fronde diventano di un bel marrone bronzato. E’ resistente fino alla zona 3.

ImageImage

Dettagli della felce braken

C’è una serie di piccole felci semi-desertiche e sempreverdi che sono specificamente adattate al sole e alla siccità. Queste sono le felci labiate, Cheilanthes spp. e le felci a mantello, Notholaena spp. e Astrolepis spp. Queste sono piccole felci a ciuffi con un fogliame grigio-verde un po’ sfocato. Le Cheilanthes hanno fronde strette, mentre Notholaena e Astrolepis hanno un profilo triangolare. Tutte sono generalmente sotto i 30 cm. In natura, l’Arizona è il posto dove vedere queste felci. In giardino, coltivatele in giardini rocciosi o xeriscapes. La maggior parte è resistente fino alla zona 6, ma richiede un clima piuttosto secco (soprattutto in inverno) per prosperare.

ImmagineImmagineImmagine

Esempi di felci semi-desertiche includono Cheilanthes tomentosa, C. lindheimeri e Astrolepis sinuata

Come potete vedere, le felci sono molto più versatili di quanto si pensi. Con il loro bel fogliame e le loro forme, possono essere usate come contrasto nel giardino in una grande varietà di situazioni. Mantenetele umide e vi ricompenseranno all’ombra o al sole.

Vorrei ringraziare i seguenti membri per l’uso delle loro immagini: Cretaceous (Cheilanthes lindheimeri), Equilibrium (Osmunda claytoniana e Dryopteris filix-mas ‘Cristata’), ericmg01 (Dryopteris filix-mas), gregr18 (Athyrium filix-femina ‘Victoriae’), RonniePitman (Astrolepis sinuata), SecludedGardens (Matteuccia struthiopteris), weebles64 (Athyrium filix-femina ‘Frizelliae’), wooffi (Dryopteris ludoviciana) e PurplePansies (primo piano di Athyrium filix-femina).