Differenza tra whisky scozzese single malt e blended

Qual è la differenza tra un whisky single malt e un blended? Qual è l’opzione migliore tra le due? Trova le risposte a queste e altre domande in questo articolo.

‘Nettare degli dei’, ‘Un’indulgenza per i sensi’, ‘Acqua della vita’ – chiamalo come vuoi, è il whisky scozzese definitivo di cui stiamo parlando. Parliamo di amore per uno sballo letterale! Lo scotch, come sappiamo, è sinonimo di raffinatezza e classe. E quelli di voi che sono intenditori di alcolici, avere conoscenze sulla marca, il tipo e il marchio diventa un prerequisito. Dopo tutto, avere un gusto per tutte le cose buone della vita non è una cattiva idea; e assolutamente no quando si tratta di trattare le vostre papille gustative con qualcosa di buono.

Cosa differenzia il Single Malt dal Blended Scotch

Non tutti i whiskey si chiamano Scotch; il nome stesso suggerisce che è specifico della regione. Si può fare whisky in tutto il mondo, ma non si può mai chiamarlo Scotch, a meno che non sia fatto in Scozia. La differenza fondamentale tra un single malt e un blended Scotch è il processo di distillazione. Il whisky single malt è prodotto e imbottigliato in una sola distilleria, mentre il blended, come suggerisce il nome, è una miscela di due o più whisky di malto e di cereali. Scaviamo nei dettagli che seguono.

La fabbricazione dello Scotch: L’ingrediente di base del whisky scozzese è l’orzo maltato. Anche se a volte può essere preparato usando segale o frumento, l’orzo è il grano preferito per la produzione di Scotch. Oltre all’orzo, gli altri ingredienti includono acqua, lievito e un additivo per la colorazione.

Prima di arrivare alle differenze, sarebbe utile un piccolo approfondimento sul processo effettivo di produzione dello Scotch. Quindi eccoci qui…

Il processo

Il processo di produzione del whisky scozzese comporta le seguenti fasi: maltaggio, essiccazione, ammostamento e fermentazione, seguiti dalla distillazione e infine dalla maturazione.

Maltatura: Questo è il processo di ammollo dei grani in acqua per 2 o più giorni e la loro germinazione. È un fattore essenziale per un whisky di malto; tuttavia, questo passo può essere saltato nel caso del whisky di grano.

Essiccazione: Il grano germinato deve essere trattato termicamente per fermare il processo di germinazione. Generalmente, il fumo di torba viene introdotto in questa fase per dare al whisky un sapore e un aroma affumicato.

Mashing: Il malto essiccato viene macinato grossolanamente in una farina chiamata grist, che viene poi mescolata con acqua calda per creare il mash per convertire gli amidi in zuccheri.

Fermentazione: Una volta che il liquido zuccherino è raffreddato, viene aggiunto il lievito per dare impulso al processo di fermentazione.

Distillazione: Distillazione: La distillazione è un processo in cui le impurità indesiderate come il metanolo vengono rimosse e il contenuto di alcol viene aumentato.

Whisky di malto: Generalmente, il Wash, come viene chiamato, viene distillato due volte; prima in un alambicco di lavaggio dove il liquido viene riscaldato al punto di ebollizione in modo che l’alcol evapori e viaggi fino alla cima dell’alambicco e in un condensatore dove viene raffreddato e ritorna allo stato liquido. Dopo questo processo, il liquido risultante contiene circa il 20% di alcol ed è chiamato vino basso. Una seconda distillazione viene poi effettuata in un alambicco a spirito e la distillazione risultante viene divisa in tre tagli, di cui solo il taglio centrale o il cuore della corsa viene utilizzato. I due tagli rimanenti vengono ridistillati perché sono relativamente di materiale inferiore. In questa fase, il vino basso contiene circa il 60-75% di contenuto alcolico.

Grain Whisky: Il Grain Whisky è distillato in un alambicco a colonna, che consiste di due colonne chiamate analizzatore (lava il liquido con il vapore) e rettificatore (porta l’alcol fino a condensarsi alla forza richiesta). Richiede una sola distillazione per raggiungere la gradazione desiderata, a differenza del whisky di malto che richiede due distillazioni. Il whisky di grano è prodotto da un processo continuo di distillazione frazionata in cui la miscela è separata nelle sue parti componenti o frazioni riscaldandole a temperature che faranno evaporare frazioni del liquido.

Maturazione: Il whisky di malto nuovo viene poi diluito e messo in botti per maturare. Per il processo di maturazione, vengono utilizzate botti di quercia che precedentemente contenevano Sherry, Rum o Bourbon. L’uso di queste botti conferisce le loro caratteristiche allo scotch attuale che si assapora.

Parametri Single Malt Blended Scotch
Fattori distintivi Un whisky single malt è quello che è fatto con acqua e orzo maltato, ed è distillato in una singola distilleria. Un blended whisky scozzese è chiamato così quando un whisky di malto è mescolato con whisky di grano.
Cosa significa in realtà La confusione regna quando si dice single malt; ciò che in realtà si riferisce a un singolo produttore o distilleria. Tuttavia, il prodotto finale non deve necessariamente essere un singolo malto, ma è una miscela perfetta di malti di varie età, tale che la consistenza del prodotto è mantenuta. Un blended Scotch può anche implicare una miscela o un mix di 2/3 parti di grain whisky e 1/3 parte di malt whisky, non necessariamente dalla stessa distilleria. Un blended Scotch whisky può contenere una combinazione di whisky provenienti da più di 40-50 diverse distillerie di malto e grano.
Fattore differenziante Il whisky single malt passa attraverso una produzione a lotto unico; tuttavia, il prodotto è il risultato di una miscela di diversi whisky invecchiati. Il gusto differisce a seconda della regione e della distilleria da cui proviene il prodotto finale, e la parte migliore è che non ci saranno mai due whisky con lo stesso sapore. Il periodo minimo di maturazione è di tre anni, e più a lungo il malto viene lasciato maturare nella sua dimora di legno, migliore sarà il risultato finale. Non è difficile trovare uno Scotch che ha subito una maturazione di 15 o più anni. La miscelazione avviene in presenza di un master blender, che assicura che il gusto della miscela rimanga costante per tutto il tempo. Ciò che accade effettivamente in un blended Scotch è che il master blender, assaggia vari malti e whisky di grano e li combina insieme in una botte e li lascia maturare. Il fattore di differenziazione entra in gioco solo nella fase della botte, la miscela risultante viene poi lasciata maturare per un periodo minimo di cinque anni. A quanto pare, il blended Scotch consiste in oltre il 90% della produzione totale di whisky in Scozia.
Testate le papille gustative Conosciuto per il suo carattere e il suo sapore distinto, il single malt Scotch offre un piacere assoluto per i sensi, pur mantenendo il più vicino possibile alla terra. Rispetto al single malt, è meno forte e ha un sapore più piacevole dei due. Tuttavia, mancano il sapore e il carattere come il malto singolo.
Costo Altamente prezzo e l’orgoglio di un intenditore, il prezzo di malto singolo varia a seconda del periodo di maturazione del malto. Come il suo ingrediente principale è whisky di grano, rende questa varietà meno costosa e accessibile per la folla generale.

Come ho già detto, un intenditore di alcolici amerebbe concedersi uno scotch single malt grazie al suo sapore di terra; quindi, è sicuramente una bevanda migliore della varietà miscelata. Tuttavia, se non siete troppo a vostro agio con i forti sapori di terra, andare per uno scotch miscelato non è una cattiva idea. Per aiutarvi a decidere la migliore marca di Scotch, abbiamo cercato di elencare le varietà di Scotch sia blended che single malt; a voi la scelta. Sapete cosa si dice a proposito dell’indulgere nel whisky scozzese: “Un buon whisky dovrebbe rimanere nella vostra mente come un bel ricordo”; assolutamente sì, perché dovete annusarlo, sorseggiarlo (sì!! non mandarlo giù), farlo rotolare e infine ingoiarlo. In definitiva, lo scotch è lo scotch; non importa quale varietà state bevendo e di sicuro è meglio se bevuto “on the rocks”. Brindiamo a questo allora, che ne dite?

Vi piace? Condividilo!

  • Condividi
  • Tweet
  • Pin
  • LinkedIn
  • Email