Conoscere le opzioni di trattamento del dolore

Se il tuo dolore è dovuto all’artrite, ai trattamenti per il cancro, alla fibromialgia o a un vecchio infortunio, devi trovare un modo per tenere il tuo dolore sotto controllo. Qual è l’approccio migliore per farlo?

Il primo passo nella gestione del dolore è fissare un appuntamento con il tuo medico per determinare la causa del tuo dolore e imparare quale approccio di gestione del dolore è spesso il più efficace per esso. Ci sono molte diverse opzioni di gestione del dolore disponibili: Puoi trovare la giusta combinazione di trattamento per ottenere il sollievo di cui hai bisogno.

Prima di provare a trattare il tuo dolore, è importante capire come viene definito il dolore.

“L’Associazione internazionale per lo studio del dolore ha fatto una dichiarazione di consenso”, dice Judith Scheman, PhD, direttore del programma di riabilitazione del dolore cronico alla Cleveland Clinic in Ohio. “Il dolore è un’esperienza sensoriale ed emotiva sgradevole. Penso che questo sia straordinariamente importante. Quando ci concentriamo solo sull’aspetto sensoriale, non riusciamo ad apprezzare la componente di sofferenza del dolore, che è importante riconoscere perché il dolore non è ciò che si verifica alla periferia.”

Perché le persone sperimentano il dolore in modo diverso?

Il dolore è reale ed è fisico – non c’è dubbio. Ma il dolore è misurato e specifico per una persona in base alla sua percezione del dolore, ed è per questo che il dolore di ognuno è diverso.

“Ciò che il cervello percepisce è indiscutibilmente modificabile dalle emozioni”, nota Scheman. Questo significa che le persone che hanno paura del dolore, sono depresse o ansiose possono sperimentare il dolore in modo diverso, e forse più grave, rispetto a chi ha dolore ma non sta provando queste altre emozioni.

Gestione del dolore: Trattare mente e corpo

Scheman sottolinea l’importanza di affrontare il dolore sia fisicamente che emotivamente e di rivolgersi alle “persone come esseri umani interi”. Così, mentre i farmaci per il dolore cronico possono essere efficaci e importanti per la gestione del dolore per molte persone, non sono l’unico strumento disponibile quando si tratta di trattamento del dolore, e non dovrebbero essere l’unico strumento utilizzato.

Medicinali. “Ci sono molti farmaci che vengono prescritti per il dolore”, dice Scheman, anche se nota che gli oppioidi (narcotici) e le benzodiazepine possono non essere le migliori opzioni. Questi trattamenti “hanno i loro problemi, e non ci sono buoni studi sull’uso di oppioidi per lunghi periodi di tempo per il trattamento del dolore cronico.”

I tipi di farmaci per il dolore cronico utilizzati includono:

  • FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei), compresi ibuprofene, naprossene e aspirina
  • Acetaminofene (Tylenol)
  • Antidepressivi, che possono migliorare il sonno e alleviare il dolore
  • Farmaci antiepilettici, che possono essere efficaci nel trattamento del dolore legato a danni o lesioni nervose
  • Steroidi, come desametasone e prednisone, per alleviare l’infiammazione e il dolore

Terapia. La terapia può essere rivolta sia alla mente che al corpo. Dice Scheman: “Cerco di guardare a qualsiasi di queste terapie come non puramente fisiche o puramente psicologiche – siamo sempre un misto di entrambe le cose.”

  • La terapia fisica è una parte molto importante di qualsiasi programma di gestione del dolore. Il dolore può essere peggiorato da un esercizio che non è fatto correttamente (o interpretato erroneamente come dolore piuttosto che uso eccessivo), e un fisioterapista può personalizzare il giusto regime di esercizi per voi. L’esercizio corretto costruisce lentamente la tua tolleranza e riduce il tuo dolore – non finirai per esagerare e rinunciare perché fa male.
  • La terapia cognitivo-comportamentale permette alle persone di “imparare e avere una migliore comprensione di ciò che il dolore è da, e cosa possono fare al riguardo”, dice Scheman. Questa terapia riguarda davvero la comprensione del ruolo del dolore nella tua vita e ciò che significa effettivamente per te, aggiunge Scheman.

Altre opzioni di gestione del dolore. Una varietà di approcci e modalità può aiutarvi a gestire sia la parte fisica che quella emotiva del dolore:

  • TENS (stimolazione elettrica transcutanea dei nervi) terapia
  • Meditazione
  • Tecniche di rilassamento
  • Immaginazione visiva, semplice come immaginare una scena di pace, per esempio
  • Biofeedback, che insegna il controllo della tensione muscolare, della temperatura, della frequenza cardiaca e altro
  • Terapia del caldo e del freddo
  • Manipolazione e massaggio

La linea di fondo: Cercate aiuto per il vostro dolore non appena diventa un problema nella vostra vita. “Non ci viene garantita una vita senza dolore”, dice Scheman. Ma quando il dolore cronico inizia a distruggere la vostra capacità di funzionare nel mondo, allora è un problema che deve essere affrontato.