Cene al ristorante: 7 consigli per rimanere senza glutine

Scarica la versione stampabile di questo bollettino educativo

Pubblicato il 18 ottobre 2019

Consigli per mangiare fuori casa

Stare senza glutine quando si cena fuori può essere fonte di ansia. Molti ristoranti hanno offerte “senza glutine”, ma come si può essere sicuri che le procedure siano seguite per evitare la contaminazione incrociata e che tutti gli ingredienti utilizzati siano veramente sicuri?

L’approccio migliore è quello di scegliere ristoranti che sono stati certificati dal programma di certificazione GIG Gluten-Free Food Services (GFFS). Il GFFS lavora con esperti nella preparazione degli alimenti per aiutare a sviluppare, educare e addestrare i ristoranti e gli altri esercizi di ristorazione a soddisfare e aderire ai più alti standard senza glutine.

Quando si mangia in ristoranti che non sono certificati, ecco alcuni consigli per assicurarsi di cenare in sicurezza.

1. Scelta del locale.

Il vostro successo nel mangiare senza glutine sarà determinato da una serie di fattori, tra cui il tipo di ristorante che scegliete.
Allungate il tempo per discutere le vostre esigenze per un pasto senza glutine. I fast food, i ristoranti a servizio rapido e quelli con un menu standard possono avere poco tempo per controllare accuratamente gli ingredienti.
I ristoranti più raffinati offrono un’atmosfera meno frettolosa e di solito hanno più tempo per soddisfare le vostre esigenze.
Chiamate il ristorante il giorno prima o prima il giorno stesso. Parla con lo chef per discutere le opzioni del tuo pasto. Questo aumenterà la qualità della tua esperienza culinaria.
I cuochi dei ristoranti più raffinati sono generalmente consapevoli del glutine e possono essere molto utili.
Fai attenzione nei ristoranti dove la lingua può creare una barriera di comunicazione. Gli addetti alla ristorazione potrebbero non capire facilmente le tue restrizioni dietetiche.

2. Cena presto o tardi.

Tempi il tuo pasto prima o dopo l’orario più affollato. Avrai più tempo e un accesso più facile alle persone che possono aiutarti. Anche il cameriere più collaborativo potrebbe non avere il tempo di cui hai bisogno durante “l’ora di punta”.

3. Spiega brevemente le tue restrizioni alimentari.

Esempio: (sorriso)
“Salve, potrei aver bisogno del suo aiuto nella scelta del mio menu. Sto seguendo una dieta limitata dal punto di vista medico e non posso mangiare certi prodotti a base di cereali. Questo include grano, segale, orzo e cibi fatti con questi cereali. Ho alcune domande e ho bisogno del vostro aiuto.”
L’interesse e la cooperazione del vostro servitore è essenziale. Questa persona può essere il tuo alleato o il tuo più grande ostacolo.
I braccialetti di allarme medico aiutano a dare credibilità alla serietà delle tue restrizioni dietetiche.

4. Fai domande dettagliate.

Usa la carta del ristorante GIG. Chiedi che la carta sia portata allo chef per una maggiore assistenza nella scelta delle voci di menu sicure. L’unica persona che sa veramente cosa è andato in un piatto è la persona che l’ha preparato!
Potresti aver bisogno di fare domande approfondite sui cibi e sulla loro preparazione. Sii molto specifico nelle tue domande su ogni voce.

Di seguito ci sono alcuni alimenti e i potenziali problemi che ne derivano:

Le insalate: La possibilità di contaminazione risiede nella pulizia delle tavole usate per tagliare gli ingredienti e nell’aggiunta di crostini o condimenti per insalate contenenti ingredienti non sicuri. Chiedete che il condimento sia servito a lato. Niente crostini o altri prodotti di pane.

Salse e marinate: I condimenti per l’insalata e le marinate possono contenere addensanti o altri ingredienti non sicuri. Provate a ordinare uno spicchio di limone e olio a parte, vino o aceto balsamico e olio, o portate un piccolo contenitore di condimento da casa se non siete sicuri del condimento per insalata del ristorante.

Suppe e salse: Le basi per zuppe sono spesso usate come base per zuppe e salse. Le basi contengono ingredienti paragonabili al brodo, cioè proteine vegetali idrolizzate, aromi naturali, ecc. e dovrebbero essere controllate attentamente. Il roux (pronunciato “roo”) è l’addensante della maggior parte delle salse ed è una combinazione di burro e farina. È più sicuro evitare le salse. In alcuni ristoranti si usano anche salse in scatola, quindi si può controllare l’elenco degli ingredienti. La base di zuppa a volte appare nelle salse.

Costola di prima scelta e altre carni: Se la costata di prima scelta è troppo rara per i gusti del cliente, il cuoco può “cuocerla” in una pentola di au jus fino a raggiungere la cottura desiderata. L’au jus può provenire da una lattina o da un mix e potrebbe contenere proteine di grano idrolizzate. I condimenti sono spesso usati nella preparazione delle carni; i loro ingredienti dovrebbero essere verificati. I tacchini autopastellanti e le imitazioni della pancetta possono contenere proteine del grano idrolizzate e devono essere controllati per la sicurezza prima dell’uso.

Cibi fritti: L’olio usato per friggere i cibi può essere usato sia per articoli impanati che non impanati, nel qual caso dovrebbero essere evitati. Nei grandi ristoranti dove le patatine fritte sono cucinate in friggitrici separate, c’è meno possibilità di contaminazione.

Riso, amidi, e Hash Browns: Molti hash browns sono congelati e preconfezionati con aggiunta di amido. Chiedete quali altri ingredienti sono stati aggiunti durante la cottura. Molti pilafs di riso possono avere condimenti o ingredienti aggiunti che potresti dover evitare. Il semplice riso al vapore o al forno cotto in acqua è una buona scelta.

Prodotti caseari: I prodotti non caseari sono talvolta usati al posto dei latticini nei ristoranti. I tre prodotti non lattiero-caseari più frequentemente usati sono la panna non lattiera, la panna acida non lattiera e la panna montata non lattiera. Verificate che gli ingredienti di tutti i sostituti non caseari siano a posto.

5. Fate preparare il vostro cibo su una superficie di cottura pulita, con utensili puliti.

Verificate se i cibi impanati o contenenti glutine sono stati cotti sulla superficie in precedenza. Suggerisci di usare un foglio di alluminio per cucinare se questo è un problema.

6. Conferma il tuo ordine prima di mangiare.

È il pasto “speciale” che hai ordinato? Sono state seguite le tue istruzioni?

7. Ringrazia il tuo cameriere.

Lascia una mancia generosa per il buon servizio e se hai una brochure GIG in più, lasciala alla direzione per loro informazione. Ritornare. Patronizza di nuovo il locale!

Questo articolo è stato valutato e approvato da un dietista nutrizionista registrato.

Scarica la versione stampabile di questo bollettino educativo