Borg

Questa sezione non cita alcuna fonte. Per favore aiuta a migliorare questa sezione aggiungendo citazioni a fonti affidabili. Il materiale privo di fonti può essere contestato e rimosso.
Trova le fonti: “Borg” – notizie – giornali – libri – scholar – JSTOR (marzo 2020) (Impara come e quando rimuovere questo messaggio modello)

I Borg sono cyborg, avendo apparenze esteriori che mostrano sia parti del corpo meccaniche che biologiche. I Borg individuali sono indicati come droni e si muovono in uno stile robotico e risoluto ignorando la maggior parte del loro ambiente, compresi gli esseri che non considerano una minaccia immediata. I Borg hanno comunemente un occhio sostituito con un sofisticato impianto oculare. I Borg di solito hanno un braccio sostituito con una protesi, che porta uno di una varietà di strumenti multiuso al posto di una mano umanoide. Poiché diversi droni hanno ruoli diversi, il braccio può essere specializzato per una miriade di scopi come dispositivi medici, scanner e armi. I Borg hanno una pelle piatta e grigiastra, che dà loro un aspetto quasi da zombie.

Alcuni Borg hanno dimostrato di essere molto più forti degli umani, in grado di sopraffare facilmente la maggior parte degli umani e specie simili. I Borg tipici non sono mai stati visti correre, ma muoversi in modo deliberato, senza mai ritirarsi. I Borg sono altamente resistenti alle armi a base di energia, avendo una schermatura personale che si adatta rapidamente ad esse. In vari episodi, i phaser e altre armi ad energia diretta tendono a diventare rapidamente inefficaci in quanto i Borg sono in grado di adattarsi alle frequenze specifiche su cui queste armi vengono proiettate una volta che una nave o un singolo drone viene colpito da esse. Tentativi successivi di modulare le frequenze dei phaser e di altre armi hanno avuto un successo limitato. Gli scudi Borg sono una protezione inefficace contro le armi a proiettile o da mischia, e molti sono stati sconfitti in questo modo, o attraverso il combattimento corpo a corpo.

I Borg possiedono un “nodo corticale” che controlla altri dispositivi cibernetici impiantati nel corpo di un Borg; è più spesso impiantato nella fronte sopra l’occhio organico. Se il nodo corticale fallisce, il Borg alla fine muore. Una sostituzione riuscita del nodo può essere effettuata su una nave Borg.

Borg CollectiveEdit

Un oggetto di scena “alcova” Borg occupato in mostra all’Hollywood Entertainment Museum

La civiltà Borg si basa su una mente alveare o di gruppo nota come Collettivo. Ogni drone Borg è collegato al collettivo da una sofisticata rete subspaziale che assicura ad ogni membro una costante supervisione e guida. L’energia mentale della coscienza collettiva può aiutare un drone ferito o danneggiato a guarire o rigenerare parti del corpo o la tecnologia danneggiata. La coscienza collettiva dà loro la capacità non solo di “condividere gli stessi pensieri”, ma anche di adattarsi rapidamente a nuove tattiche. I droni nel Collettivo non sono mai visti parlare, ma una “voce” collettiva è talvolta trasmessa alle navi.

“La resistenza è inutile “Edit

I Borg individuali raramente parlano, anche se inviano un messaggio audio collettivo ai loro obiettivi, affermando che “la resistenza è inutile”, generalmente seguita da una dichiarazione che l’obiettivo in questione sarà assimilato e la sua “distintività biologica e tecnologica” sarà aggiunta alla loro. La frase esatta varia e si evolve nel corso dei vari episodi della serie e del film.

La frase completa usata in Star Trek: First Contact è:

Noi siamo i Borg. Abbassate i vostri scudi e cedete le vostre navi. Aggiungeremo la vostra particolarità biologica e tecnologica alla nostra. La vostra cultura si adatterà per servirci. La resistenza è inutile.

NanosondeModifica

Le nanosonde sono macchine microscopiche che abitano il corpo di un Borg, il flusso sanguigno e molti impianti cibernetici. Le sonde mantengono i sistemi cibernetici Borg e riparano i danni alle parti organiche di un Borg. Generano nuova tecnologia all’interno di un Borg quando necessario e lo proteggono da molte forme di malattia. Le nanosonde Borg, ognuna delle dimensioni di un globulo rosso umano, viaggiano attraverso il flusso sanguigno della vittima e si attaccano alle singole cellule. Le nanosonde riscrivono il DNA cellulare, alterando la biochimica della vittima, e alla fine formano strutture e reti più grandi e complicate all’interno del corpo, come percorsi elettrici, nodi di elaborazione e archiviazione dati, e infine dispositivi protesici che nascono dalla pelle. In “Mortal Coil”, Sette di Nove dice che i Borg hanno assimilato la tecnologia delle nanosonde dalla “Specie 149”. Inoltre, le nanosonde mantengono e riparano le componenti meccaniche e biologiche del loro ospite a livello microscopico, impartendo capacità rigenerative.

Anche se usate dai Borg per esercitare il controllo su un altro essere, le nanosonde riprogrammate sono state usate dall’equipaggio della nave stellare Voyager in molti casi come aiuti medici.

La capacità delle nanosonde di assorbire le tecnologie migliorate che trovano nel collettivo Borg è mostrata nell’episodio Voyager “Drone”, dove le nanosonde di Sette di Nove sono fuse con l’emettitore mobile del Dottore che usa tecnologia del 29° secolo, creando un drone del 29° secolo esistente al di fuori del Collettivo, con capacità che superano di gran lunga quelle dei droni del 24° secolo.

I Borg non cercano di assimilare immediatamente qualsiasi essere con cui entrano in contatto; i droni Borg tendono a ignorare completamente gli individui che vengono identificati come troppo deboli per essere una minaccia imminente o troppo inferiori per essere assimilati. Il capitano Picard e la sua squadra passano tranquillamente davanti a un gruppo di droni Borg in una scena del film Star Trek: First Contact mentre i droni compiono una missione programmata. Nell’episodio di Star Trek: Voyager “Mortal Coil”, Sette di Nove dice a Neelix che i Kazon sono “indegni” di essere assimilati e servirebbero solo a sminuire la ricerca della perfezione percepita dai Borg.

TravelEdit

I Borg sono una razza spaziale, e il loro trasporto interstellare primario è conosciuto come “Cubo Borg” per la sua forma. Un cubo è stato visto per la prima volta nell’episodio Next Generation “Q Who?” ambientato nel 2365. Le capacità comuni dei cubi includono motori a curvatura e transwarp ad alta velocità, auto-rigenerazione e sistemi ridondanti multipli, adattabilità in combattimento e varie armi ad energia, così come raggi traenti e raggi di taglio. Inoltre, sono stati osservati diversi tipi e dimensioni di cubi, così come sfere Borg e alcune imbarcazioni più piccole.

Come la maggior parte delle altre razze di Star Trek, i Borg hanno anche capacità di trasporto.

AssimilazioneModifica

L’assimilazione è il processo con cui i Borg integrano esseri, culture e tecnologie nel Collettivo. “Sarete assimilati” è una delle poche frasi sullo schermo utilizzate dai Borg quando comunicano con altre specie. I Borg sono ritratti come se avessero trovato e assimilato migliaia di specie e miliardi o trilioni di forme di vita individuali in tutta la galassia. I Borg designano ogni specie con un numero assegnato loro al primo contatto, l’umanità è “Specie 5618”.

Quando vengono introdotti per la prima volta, si dice che i Borg siano più interessati ad assimilare la tecnologia che le persone, vagando nell’universo come predoni solitari che assimilano astronavi, pianeti e intere società per raccogliere nuova tecnologia. Sono discriminanti in questo campo, trovando certe razze, per esempio i Kazon, tecnologicamente inferiori e non degne di essere assimilate. Un neonato Borg trovato a bordo di un Cubo Borg in “Q Chi?” mostra che i Borg assimilano anche i bambini. I Borg poi mettono i bambini assimilati in camere di maturazione per farli crescere rapidamente e completamente in droni maturi.

Patrick Stewart come Locutus dei Borg, l’assimilato Jean-Luc Picard

Nella loro seconda apparizione, “The Best of Both Worlds”, catturano e assimilano il capitano Jean-Luc Picard nel Collettivo, creando Locutus of Borg (che significa “colui che ha parlato”, in latino).

Il metodo di assimilare singole forme di vita nel Collettivo è stato rappresentato in modo diverso nel tempo. Quando vediamo i Borg in Star Trek: The Next Generation, l’assimilazione avviene attraverso il rapimento e poi la procedura chirurgica. In Star Trek: First Contact e Star Trek: Voyager, l’assimilazione avviene attraverso l’iniezione di nanosonde nel flusso sanguigno di un individuo attraverso un paio di tubuli che escono dalla mano di un drone. L’assimilazione attraverso i tubuli è rappresentata sullo schermo come un processo ad azione rapida, con la pigmentazione della pelle della vittima che diventa grigia e chiazzata con tracce scure visibili che si formano entro pochi istanti dal contatto. Dopo l’assimilazione, la razza e il sesso del drone diventano “irrilevanti”. Dopo l’assimilazione iniziale tramite iniezione, i Borg sono dotati chirurgicamente di dispositivi cibernetici. In Star Trek: First Contact viene mostrato un membro dell’equipaggio assimilato con un avambraccio e un occhio fisicamente rimossi e sostituiti con impianti cibernetici.

I Borg assimilano, si interfacciano e riconfigurano anche la tecnologia usando questi tubuli e nanosonde. Tuttavia, in Q Who? vediamo un Borg che apparentemente cerca di assimilare, sondare o riconfigurare un pannello di controllo in ingegneria usando un’interfaccia energetica invece delle nanosonde.

Alcune specie, per varie ragioni dichiarate, sono in grado di resistere all’assimilazione tramite nanosonde. La specie 8472 è l’unica razza in grado di respingere completamente i tentativi di assimilazione. Altre specie, come gli Hirogen, hanno dimostrato resistenza all’assimilazione, così come il dottor Phlox, che è stato in grado di resistere parzialmente al processo di assimilazione nell’episodio di Star Trek: Enterprise “Regeneration”.

Borg QueenEdit

Alice Krige come Regina Borg in Star Trek: First Contact

Prima del film Star Trek: First Contact (1996), i Borg non avevano una struttura di comando gerarchica. First Contact ha introdotto la Regina Borg, che non è nominata come tale nel film (riferendosi a se stessa con “Io sono il Borg. Io sono il Collettivo.”) ma è chiamata Regina Borg nei titoli di coda. La Regina è interpretata da Alice Krige in questo film e nel finale del 2001 di Star Trek: Voyager, “Endgame”. Il personaggio è apparso anche negli episodi in due parti di Voyager “Dark Frontier” (1999) e “Unimatrix Zero” (2000), ma era interpretato da Susanna Thompson. Se queste apparizioni rappresentino o meno la stessa regina non è mai stato confermato. La regina è stata uccisa sia in Primo contatto che in “Frontiera oscura”, quindi ci possono essere un totale di tre regine in tutta la serie. In Primo Contatto, la Regina Borg si sente durante un flashback della precedente assimilazione di Picard, il che implica che era presente durante gli eventi di “Best of Both Worlds”.

La Regina Borg è il punto focale all’interno della coscienza collettiva Borg e un unico fuco all’interno del Collettivo, che porta “ordine al caos”, riferendosi a se stessa come “noi” e “io” in modo intercambiabile. In Primo Contatto, il dialogo della Regina suggerisce che lei è un’espressione dell’intelligenza complessiva del Collettivo Borg, non un controllore ma l’avatar dell’intero Collettivo come individuo. Questo sentimento è contraddetto da Star Trek: Voyager, dove la si vede esplicitamente dirigere, comandare e, in un caso, anche scavalcare il Collettivo. L’introduzione della Regina cambiò radicalmente la comprensione canonica della funzione dei Borg, con gli autori di The Computers of Star Trek che notano “Era molto più facile per gli spettatori concentrarsi su un cattivo piuttosto che su una mente-alveare che prendeva decisioni basate sul contributo di tutti i suoi membri”. Gli scrittori di Primo Contatto Brannon Braga e Ronald D. Moore hanno difeso l’introduzione della Regina come una necessità drammatica, notando nel commento audio del DVD del film che inizialmente avevano scritto il film con i droni, ma poi hanno scoperto che era essenziale per i personaggi principali avere qualcuno con cui interagire oltre ai droni senza cervello.