Bon Scott

1946-1964: I primi anni

Scott nasce il 9 luglio 1946 al Fyfe Jamieson Maternity Hospital di Forfar, in Scozia, figlio di Charles Belford “Chick” Scott (1917-1999) e Isabelle Cunningham “Isa” Mitchell (1917-2011). È cresciuto a Kirriemuir ed era il secondo figlio dei suoi genitori; il primogenito era un maschio, Sandy, che morì poco dopo la nascita. Un terzo figlio, Derek, nacque nel 1949. La famiglia Scott si trasferì dalla Scozia in Australia nel 1952. Inizialmente vissero nel sobborgo di Melbourne di Sunshine, Victoria, e Scott frequentò la vicina Sunshine Primary School. Il soprannome “Bon” fu acquisito poco dopo aver iniziato la scuola; poiché c’era un altro Ronald nella classe, i suoi compagni giocarono sulla frase “Bonnie Scotland”. Un quarto figlio, Graeme, nacque nel 1953.

Nel 1956, la famiglia si trasferì a Fremantle. Scott si unì alla Fremantle Scots Pipe Band associata, imparando la batteria. Ha frequentato la North Fremantle Primary School e poi il John Curtin College of the Arts fino a quando non ha abbandonato la scuola all’età di 15 anni. Successivamente ha lavorato come bracciante e pescatore di gamberi, ed è stato poi un apprendista meccanico di macchine pesatrici. Nel 1963 trascorse un breve periodo nel centro di valutazione della prigione di Fremantle e nove mesi al Riverbank Juvenile Institution, in relazione alle accuse di aver dato un falso nome e indirizzo alla polizia, essere sfuggito alla custodia legale, aver avuto una conoscenza carnale illegale e aver rubato 12 galloni di benzina. Tentò di unirsi all’esercito australiano, ma fu respinto e ritenuto “socialmente disadattato”.

1964-1970: The Spektors e The ValentinesEdit

La voce di Scott era ispirata al suo idolo, Little Richard. Dopo aver lavorato come postino, barista e imballatore di camion, Scott fondò la sua prima band, The Spektors, nel 1964 come batterista e cantante occasionale. Nel 1966 si fuse con un’altra band locale, i Winstons, e formò The Valentines, in cui Scott era co-cantante principale con Vince Lovegrove. I Valentines registrarono diverse canzoni scritte da George Young degli Easybeats. “Every Day I Have to Cry” (una canzone originariamente scritta e cantata da Arthur Alexander) entrò nella classifica dei dischi locali. Nel 1970, dopo aver guadagnato un posto nella Top 30 nazionale con il loro singolo “Juliette”, i Valentines si sciolsero a causa di differenze artistiche dopo uno scandalo di droga molto pubblicizzato.

1970-1973: FraternityEdit

Scott si trasferì ad Adelaide nel 1970 e si unì alla band progressive rock Fraternity. I Fraternity pubblicarono gli LP Livestock e Flaming Galah prima di andare in tour nel Regno Unito nel 1973, dove cambiarono il loro nome in Fang. Durante questo periodo suonarono come supporto per Status Quo e Geordie, il cui frontman Brian Johnson sarebbe poi succeduto a Scott come cantante degli AC/DC dopo la sua morte. Durante questo periodo, il 24 gennaio 1972, Scott sposò Irene Thornton.

Nel 1973, subito dopo il ritorno in Australia dal tour nel Regno Unito, i Fraternity andarono in pausa. Scott prese un lavoro di giorno alla fabbrica di fertilizzanti di Wallaroo e iniziò a cantare con i Mount Lofty Rangers, un collettivo di musicisti sciolti guidati da Peter Head (né Beagley) degli Headband, che spiegò: “Headband e Fraternity erano nella stessa scuderia e ci dividemmo entrambi nello stesso periodo, così la cosa più logica fu prendere i membri di entrambe le band e crearne una nuova… lo scopo della band era che i cantautori si relazionassero tra loro e sperimentassero con le canzoni, quindi era una fucina di creatività”. Anche altri ex membri dei Fraternity suonarono con la band, così come Glenn Shorrock pre Little River Band. Durante questo periodo, Head aiutava anche Scott con le sue composizioni originali.

Vince Lovegrove ha detto, “Bon andava a casa di Peter dopo una giornata di (letteralmente) spalare merda, e gli mostrava le idee musicali che aveva avuto durante la sua giornata di lavoro. La conoscenza di Bon della chitarra era limitata, così Peter iniziò a insegnargli come fare i ponti di accordi e costruire una canzone. Una delle canzoni di queste sessioni era una ballata chiamata ‘Clarissa’, su una ragazza locale di Adelaide. Un’altra era la country-tinged Bin Up in the Hills Too Long, che per me era un segno delle cose che sarebbero venute con i testi di Bon; semplici, intelligenti, sardonici, ironici…”

In cambio, Scott registrò la voce per le canzoni dei Mount Lofty Rangers “Round & Round” e “Carey Gully”. Head pubblicò queste registrazioni originali nel 1996, collaborando anche con il produttore Ted Yanni, un altro vecchio amico di Scott, per creare un supporto completamente nuovo per Round & Round & Round che rifletteva più accuratamente le intenzioni originali di Head. A lungo fuori stampa, e massicciamente piratato, questo EP ha finalmente ottenuto una pubblicazione digitale ufficiale nel giugno 2010. Composizioni originali non registrate di Scott, “Been Up In The Hills Too Long” e “Clarissa” sono state registrate da Head sul suo album Peter Head & The Mount Lofty Rangers Lofty, anch’esso uscito solo in formato digitale nel 2011.

Circa le 23 del 3 maggio 1974, all’Old Lion Hotel di North Adelaide, durante una prova con i Mount Lofty Rangers, uno Scott molto ubriaco, angosciato e bellicoso ebbe una violenta discussione con un membro della band. Scott uscì come una furia dal locale, gettò a terra una bottiglia di Jack Daniel’s, poi scappò sulla sua moto Suzuki GT550. Scott ha subito gravi ferite dall’incidente motociclistico che ne è seguito, passando tre giorni in coma e altri 18 giorni in ospedale. Vince Lovegrove e sua moglie, che allora gestivano un’agenzia di booking/management, diedero a Scott dei lavoretti, come appendere manifesti e dipingere l’ufficio durante il suo recupero, e poco dopo lo presentarono agli AC/DC che erano alla ricerca di un nuovo cantante. Prima di un’altra visita degli AC/DC, George Young mi telefonò e mi disse che la band stava cercando un nuovo cantante. Gli dissi immediatamente che il migliore per il lavoro era Bon. George rispose dicendo che l’incidente di Bon non gli avrebbe permesso di esibirsi, e che forse era troppo vecchio. Ciononostante ebbi un incontro con Malcolm e Angus, e suggerii Bon come nuovo cantante. Mi chiesero di portarlo al Pooraka Hotel quella sera e di venire nel backstage dopo lo spettacolo. Quando guardò la band, Bon rimase impressionato, e volle immediatamente unirsi a loro, ma pensò che fossero un po’ troppo inesperti e troppo giovani. Dopo lo spettacolo, nel backstage, Bon espresse i suoi dubbi sul fatto che fossero “capaci di fare rock”. I due fratelli Young dissero a Bon che era “troppo vecchio per il rock”. Il risultato fu che quella notte fecero una jam session a casa dell’ex mentore di Bon, Bruce Howe, e alla fine della sessione, all’alba, fu ovvio che gli AC/DC avevano trovato un nuovo cantante. E Bon aveva trovato una nuova band.”

Come Scott, Malcolm Young e suo fratello minore Angus Young degli AC/DC erano nati in Scozia prima di emigrare in Australia nella loro infanzia con la famiglia.

I Fraternity si riformarono in seguito e sostituirono Scott con Jimmy Barnes.

1974-1980: AC/DCEdit

Articolo principale: AC/DC § Bon Scott era (1974-1980)

La moglie di Scott, Irene Thornton, scrisse in seguito: “La prima volta che Bon vide gli AC/DC fu nell’agosto 1974. Passarono per Adelaide con il tour di Lou Reed e Stevie Wright, e suonarono il loro show al Pooraka Hotel… La prima volta che vidi gli AC/DC fu al Pooraka Hotel in settembre. ‘Vai lassù, Bon’, continuava a dire Vince. La band non aveva un cantante quella sera; suonavano versioni strumentali di vecchi standard del rock ‘n’ roll. I ragazzi hanno fatto a pezzi tutti questi numeri classici e poi finalmente, con abbastanza pressione da parte di Vince, Bon è salito sul palco. Non avevo capito che gli AC/DC avevano appena licenziato Dave Evans e volevano Bon per sostituirlo. Come Bon, gli Young erano scozzesi, quindi c’era un legame immediato”

Scott sostituì Dave Evans come cantante degli AC/DC il 24 ottobre 1974, quando divenne ovvio che la band ed Evans stavano andando in direzioni diverse, con Evans che aveva scontri personali con i membri della band e il management. La nomina di Scott coincise con il suo lavoro come autista per la band all’epoca fino a quando un’audizione lo promosse a cantante principale.

Con i fratelli Young come chitarristi principali e ritmici, il batterista di sessione Tony Currenti (vedi AC/DC line-up) e George Young come bassista temporaneo, gli AC/DC pubblicarono High Voltage, il loro primo LP in Australia nel febbraio 1975. Nel giro di pochi mesi Currenti fu sostituito da Phil Rudd e Mark Evans fu assunto come bassista permanente, e gli AC/DC iniziarono a registrare il loro secondo album T.N.T., che fu pubblicato in Australia nel dicembre 1975. Il primo album degli AC/DC ad ottenere una distribuzione internazionale fu comunque una compilation di brani dei primi due album, anch’essa intitolata High Voltage, che uscì nel maggio 1976. Un altro album in studio, Dirty Deeds Done Dirt Cheap, fu pubblicato nel settembre dello stesso anno, ma solo in Australia; la versione internazionale dell’album fu pubblicata in dicembre con una diversa lista di brani. L’album non fu pubblicato negli Stati Uniti fino al marzo 1981.

Negli anni successivi, gli AC/DC ottennero ulteriore successo con gli album Let There Be Rock e Powerage. L’uscita di Powerage nel 1978 segnò il debutto del bassista Cliff Williams (che aveva sostituito Mark Evans), e con i suoi riff più duri, seguì il modello stabilito da Let There Be Rock. Solo un singolo fu pubblicato da Powerage – “Rock ‘n’ Roll Damnation” – che diede agli AC/DC la loro più alta posizione in classifica all’epoca, raggiungendo il numero 24. Un’apparizione all’Apollo Theatre di Glasgow durante il tour di Powerage fu registrata e pubblicata come If You Want Blood You’ve Got It.

Il sesto album della band, Highway To Hell, fu prodotto da Robert “Mutt” Lange e fu pubblicato nel 1979. Divenne il primo LP degli AC/DC ad entrare nella top 100 degli Stati Uniti, raggiungendo alla fine la posizione 17, e spinse gli AC/DC nei primi posti della classifica dei gruppi hard rock.