13 semplici tecniche giornalistiche per interviste efficaci

Come ogni professione creativa, il giornalismo di viaggio ti costringe a usare la tua percezione per reinterpretare il mondo intorno a te. Cerchi di coinvolgere un pubblico con idee e problemi – crei qualcosa di significativo da tutte le informazioni incoerenti e il rumore là fuori.

Il prodotto finito può essere un pezzo di scrittura che tu crei, ma il materiale è il risultato delle interviste che conduci: Un buon giornalismo dipende dalla cooperazione e dalla partecipazione di un perfetto sconosciuto. Il cuore di questo problema è l’intervista. Il prodotto finito può essere un pezzo di scrittura che tu crei, ma il materiale è il risultato delle interviste che conduci.

E mentre le fonti variano – alcune persone sanno esattamente cosa vogliono dire mentre altre amano farti sudare per una citazione di base – il modo in cui conduci l’intervista ha più a che fare con il risultato di qualsiasi altra cosa.

È strano che si ponga così tanta enfasi sull’insegnare ai giornalisti come scrivere un articolo quando questa abilità è inutile senza insegnare loro anche come sviluppare forti tecniche di intervista.

Nel tentativo di aiutare altri aspiranti reporter a sviluppare questa abilità cruciale, ho riunito alcuni dei miei colleghi e amici giornalisti per chiedere loro quali consigli per le interviste pensano siano più utili.

1. Trova una buona posizione.

Evitare Starbucks! Spesso è più facile suggerire un coffeeshop aziendale in posizione centrale, ma se c’è un modo per intervistare in un posto che ha una certa rilevanza per la storia o il soggetto, avrai molto più successo. Non solo perché otterrete un ulteriore senso del contesto, ma le persone sono spesso più a loro agio (e aperte) quando sono in un luogo familiare o in quello che si sente come “il loro territorio”.

Chiedete di incontrarvi a casa del vostro soggetto, al lavoro, o sul luogo di un incidente rilevante per la storia. Anche un incontro nel ristorante preferito dell’intervistato è più interessante di uno Starbucks.

2. Prepara i tuoi obiettivi in anticipo.

Sapere quali domande farai e perché le farai. Arrivare ad un’intervista con un’idea di ciò che si vuole ottenere (una rievocazione colorita di un evento, un’opinione on the record sul tema che si sta trattando, un background generale, etc.) è fondamentale per condurre un’intervista di successo.

Dovresti già pensare a come vuoi che sia il tuo pezzo e a cosa ti serve da questa intervista per avvicinare il tuo articolo a quel risultato finale.

3. Scrivi le tue domande.

Assicurati di portare con te delle domande preparate. Di solito vado a un colloquio con il doppio delle domande che mi aspetto di fare. La sicurezza di sapere che non mi bloccherò aiuta la mia fiducia, e non si sa mai quale domanda ti darà l’informazione che stai davvero cercando.

4. Lavora sul tuo flusso.

Questa è probabilmente la più impegnativa ma anche la più importante abilità di intervista che puoi sviluppare. Si vuole trovare un equilibrio tra una conversazione (che aiuta a far sentire il soggetto a proprio agio e favorisce la franchezza) e portare a termine il lavoro. Mentre il tuo soggetto risponde alla tua domanda, pensa a cosa chiederai dopo e perché.

Il flusso delle domande deve sembrare naturale e colloquiale – non fate girare il vostro soggetto su un argomento completamente diverso solo perché è la prossima domanda sulla vostra lista. Pensa ai seguiti e alle transizioni. In questo modo il tuo soggetto non si sentirà costretto a darti frasi a effetto e potrebbe aprirsi un po’ (particolarmente importante per chiunque lavori su un pezzo audio dove potresti aver bisogno di blocchi dell’intervista grezza).

5. Pensa al mezzo.

Le tecniche di intervista variano sicuramente per i diversi mezzi. Se stai intervistando per l’audio o il video, vuoi fare domande in due parti, il che incoraggia i soggetti a parlare per blocchi di tempo più lunghi.

Al contrario, quando intervisti per la stampa, cerca di spezzare le domande in modo da ottenere risposte più brevi e concise (più facile per prendere appunti e per citare in seguito). Puoi essere più conversazionale con le interviste per la stampa – puoi dire “sì”, “uh-huh”, ecc. Non farlo è una delle più grandi sfide quando si fa un’intervista per l’audio. Annuendo e sorridendo si ottiene lo stesso tipo di incoraggiamento conversazionale e si mantiene il nastro pulito.

Un altro grande trucco per le interviste audio è quello di far rivivere la storia al vostro soggetto. Rende un buon suono e ti aiuta ad evitare di avere troppo della tua narrazione in seguito.

6. Porta un amico.

Trovo che avere una seconda persona che prenda appunti e un paio di orecchie in più può essere molto utile. Se non pensi che un’altra persona possa sopraffare o distrarre il tuo soggetto (lo trovo piuttosto raro), può essere un salvavita avere quel secondo set di note per controllare le tue citazioni e informazioni.

7. Evitare l’ossessione.

Anche se le buone note e la registrazione sono molto importanti, puoi renderti un cattivo servizio ossessionandoti nel registrare ogni piccolo dettaglio di ciò che dice il tuo soggetto. Mentre stai intervistando, dovresti essere in grado di discernere le gemme dalle chiacchiere – concentrati sulle citazioni e sulle informazioni che sai che userai e assicurati di prenderle bene!

8. Sii un po’ fastidioso.

Non aver paura di rivisitare senza sosta una domanda o un argomento che pensi non sia stato adeguatamente affrontato dall’intervistato. A volte le persone hanno bisogno di tempo per scaldarsi a voi o a un argomento, o risponderanno meglio se la vostra domanda è formulata in modo diverso. Continua a provare.

9. Sii un po’ furtivo.

Continua a prendere appunti anche dopo che l’intervista è ufficialmente finita. A volte le persone dicono le cose più rivelatrici o intime quando sentono di essere fuori dal “posto caldo”. Se non dicono “off the record”, è tutto da vedere.

10. Responsabilizza il tuo soggetto.

Un’ottima domanda da fare se non comprendi appieno la prospettiva del tuo intervistato è: “Qual è la tua soluzione/risoluzione ideale?” Ovviamente questo funziona solo in certe circostanze, ma quando è appropriato può aiutare a chiarire il punto di vista o l’opinione di una persona.

11. Falli lavorare.

Un’altra grande domanda è: “Perché ti interessa questo problema?” Questo può essere un modo efficace per ottenere una citazione forte ed emotiva sul perché l’argomento che stai trattando è così importante.

Si può anche chiedere il punto di svolta in una storia, il momento in cui tutto è cambiato o catalizzato. Questo può aiutarvi a modellare anche la narrazione della vostra storia.

12. Sopportare i silenzi imbarazzanti.

So che questo è totalmente controintuitivo. Il mio istinto è quello di continuare a chiacchierare e fare domande per far sentire le persone a proprio agio, ma a volte, soprattutto quando si tratta di argomenti sensibili, è necessario stare zitti e aspettare.

Fai la tua domanda, lascia che ti diano la risposta generica e provata, poi siediti in silenzio e vedi cosa viene dopo. Sareste stupiti di quanto spesso questa tecnica dia risultati potenti.

13. Chiedi quello che ti serve.

Seriamente, a volte gli intervistati sono frustranti non perché stanno cercando di romperti le scatole, ma perché semplicemente non capiscono cosa vuoi da loro. Trovo che molti soggetti delle interviste si divertono a farvi “tirare un po’ il sipario” e raccontare loro il vostro processo.

Puoi dire: “Ascolta, ho davvero bisogno di una tua citazione che racchiuda i tuoi sentimenti su questo tema”, o “Ho davvero bisogno che tu mi guidi attraverso la cronologia di questo”, o anche “Ho davvero bisogno che tu mi porti in un luogo che sia rilevante per questo tema in modo che io possa creare una scena”.

Per la maggior parte delle persone vogliono essere utili, e voi dovete solo dire loro come possono farlo.