12 cattivi annunci e fallimenti del marketing per imparare cosa non fare

Di Maison Piedfort
19 febbraio 2019

Guarda, abbiamo capito.

La pubblicità è difficile. Distinguersi in un mare di monotonia è difficile.

E a volte, lottare disperatamente per il riconoscimento e l’attenzione del cliente nell’era degli annunci ovunque – sul tuo computer, sullo schermo della TV, nella posta e persino per strada – può avere inserzionisti altrimenti qualificati che si rivolgono a tecniche di marketing insensate e offensive.

Parliamo di questi cattivi annunci e fallimenti di marketing. Rabbrividiremo, sì, ma speriamo anche di imparare alcune cose su come non attirare l’attenzione con la pubblicità.

Pepsi banalizza i movimenti di giustizia sociale

Ecco cosa è successo

Questo è ancora fresco. All’inizio di aprile 2017, la Pepsi ha fatto debuttare uno spot che ritrae Kendall Jenner nel bel mezzo di un servizio fotografico quando scorge una protesta in mezzo alla strada. Richiamata da un cenno di un manifestante di passaggio, si toglie la parrucca per partecipare.

pepsi kendall jenner bad ads
From cnn.money.com

Le cose non si mettono davvero male, però, fino a quando lei si avvicina a un poliziotto che presidia la folla in protesta e gli porge una Pepsi, fermando così le proteste – e il conflitto socioeconomico, le tensioni razziali, la disuguaglianza di genere, e davvero solo, come tutte le vibrazioni negative – per sempre.

Perché ha mancato il bersaglio

Pepsi ha scambiato i movimenti di giustizia sociale per opportunità di vendere soda, il che è piuttosto irrispettoso nei confronti delle persone che hanno sofferto e si sono sacrificate in nome della protesta e del cambiamento.

Cosa c’è di peggio? Al centro delle scuse della Pepsi non c’erano i sostenitori del BLM o i marciatori delle donne come ci si aspettava, ma la stessa Kendall Jenner.

Taway

Voler dare una mano per il cambiamento sociale è un bene. Usare serie questioni sociali per vendere un prodotto è insensibile e offensivo.

Bloomingdale’s è…ok con lo stupro?

Ecco cosa è successo

Bloomingdale’s ha augurato ai lettori del suo catalogo una felice vacanza con questa inquietante pubblicità:

From thewrap.com

Internet era indignato, la maggior parte degli utenti dei social media trovava incredibile che l’annuncio fosse reale e approvato dai vertici di Bloomingdale.

Perché ha mancato il bersaglio

Nel tentativo di distinguersi, l’errore di giudizio di Bloomingdale ha portato a un annuncio che forse doveva essere eccentrico o divertente, ma ha finito per essere inquietante e oltraggiosamente offensivo.

Per le donne? È spaventoso. Per gli uomini? È imbarazzante. E per le vittime di stupro? Assolutamente orribile.

Takeaway

“Quali sono le implicazioni di quello che stiamo dicendo? Sono implicazioni buone o cattive?” Questo è quello che devi chiederti per ogni pezzo di testo pubblicitario che approvi o scrivi.

Bud Light Says No Doesn’t Mean No

Ecco cosa è successo

Nel 2015 Bud Light ha debuttato una nuova tagline per accompagnare la campagna Up For Whatever:

bud light bad ads
From fortune.com.

Si potrebbe definire un errore onesto, dato che a prima vista sembra che si adatti molto bene all’intera personalità “Up For Whatever” che il marchio sta cercando. Ma poi ci ricordiamo che la frase “No Means No” è una cosa e che combinare l’alcol e l’implicazione che no….non significa no? in una pubblicità è una cattiva idea.

Perché ha mancato il bersaglio

USA Today ha detto perfettamente: “preoccupazioni per la cultura dello stupro alimentata dall’alcol.”

Takeaway

Ancora una volta: “Quali sono le implicazioni di quello che sto dicendo?” Voi e il vostro team di marketing dovete chiederlo ad ogni passo. Non farlo è marketing irresponsabile.

Airbnb diventa passivo aggressivo sulle tasse

Ecco cosa è successo

Nel 2015 Airbnb era arrabbiato per una politica di tasse alberghiere che significava che gli host e gli ospiti di Airbnb dovevano pagare un sacco di soldi in tasse. Non classificandosi come un servizio alberghiero, l’azienda era comprensibilmente arrabbiata.

Allora, nella campagna pubblicitaria più passiva e aggressiva di sempre, Airbnb ha messo annunci in tutta San Francisco suggerendo cosa la città dovrebbe fare con tutti quei soldi delle tasse di Airbnb.

Da gizmodo.com

Perché ha mancato il bersaglio

La linea di fondo – che siate d’accordo o meno sul fatto che sia ingiusto che Airbnb debba pagare la tassa sugli hotel – è che gli annunci hanno fatto sembrare Airbnb un gruppo di idioti. In realtà, questo è ciò che il CEO Brian Chesky ha detto sugli annunci: “

Takeaway

Fate attenzione alle emozioni che state evocando nel vostro pubblico. Se un annuncio può far sentire la sua lettrice come se fosse appena stata coinvolta in una rissa in stile scuola media tra voi e il governo locale, probabilmente è meglio scartarlo.

Burger King sbaglia la propria versione di “Where’s Waldo.”

Ecco cosa è successo

Torniamo indietro fino al 1985. Questo è solo un grande e gigantesco pasticcio, quindi andiamo avanti:

  • Burger King lancia una campagna chiamata “Where’s Herb?”dicendo ai clienti che se riescono a trovare Herb in un punto vendita Burger King (un ragazzo casuale e deludentemente ordinario non molto degno di essere il centro di una campagna pubblicitaria), vinceranno 5.000 dollari
  • Finalmente, un quindicenne ha individuato Herb ma è stato rifiutato il premio in denaro
  • Allora Burger King ha dato il premio in denaro al suo amico sedicenne perché l’effettivo scopritore di Herb era più giovane della non ben pubblicizzata età minima del concorso di 16 anni.
burger king cattivi annunci
Da goretro.com

Perché ha mancato il bersaglio

Alcuni motivi: 1) A nessuno importava chi fosse Herb. 2) Era troppo casuale: chi è questo tizio e perché stiamo cercando di trovarlo? Nessuno lo sapeva davvero. 3) Le regole del concorso sono state comunicate male e sono sfociate in una brutta situazione di PR.

Takeaways

Se hai intenzione di avere una mascotte del marchio, cerca di farla avere un senso. Non cercare di far sì che la gente si interessi alla tua mascotte o alla tua promozione senza prima dare loro una ragione per farlo. (Oh, e sii molto, molto chiaro sulle restrizioni di età del concorso.)

Pepsi gestisce una lotteria disastrosa

Ecco cosa è successo

Sì, ancora Pepsi. Nel 1993 nelle Filippine, la Pepsi ha organizzato una lotteria in cui, se si trovava il tappo della bottiglia con il codice giusto, si potevano vincere 40.000 dollari. La Pepsi ha annunciato il codice sbagliato. Così invece di 1 tappo vincente, c’erano improvvisamente 800.000 tappi vincenti. La Pepsi si è rifiutata di pagare; ne è seguita l’indignazione.

From marketingshmarketing.com.

Perché ha mancato il bersaglio

C’è bisogno di dirlo? False speranze e lotterie pasticciate non sono un buon modo per fare affari.

Takeaways

Se avete intenzione di organizzare una lotteria o un concorso o qualsiasi cosa che prometta una grande ricompensa che cambi la vita, assicuratevi di gestirla con attenzione e senza errori al 100%.

Fiat Moonlights as a Stalker

Ecco cosa è successo

Nel 1992, 50.000 donne spagnole hanno ricevuto una lettera da uno stalker che diceva cose come: “Ci siamo incontrati di nuovo per strada ieri e ho notato come hai guardato con interesse nella mia direzione”. Poi invitavano la destinataria ad imbarcarsi con loro in un’avventura.Solo che le lettere non erano di uno stalker. Erano della Fiat, l’azienda automobilistica.

foto annunci scadenti
Per fortuna della Fiat, non c’è traccia di prove fotografiche online. Ecco come cracked.com. ha immaginato le lettere.

Perché ha mancato il bersaglio

Anche se l’annuncio avrebbe potuto essere carino e intelligente se fosse stato chiaro che era un annuncio, non era chiaro che fosse un annuncio. Se la Fiat avesse messo il suo logo e un messaggio di esonero da responsabilità del tipo “non sei realmente vittima di stalking”, le cose non sarebbero andate così male.

Takeaways

Siate chiari sulle vostre intenzioni nella vostra pubblicità, e indicatele chiaramente se necessario: “Questa è una pubblicità. Non ti stiamo realmente perseguitando.”

Starbucks stampa una pubblicità sull’11 settembre

Ecco cosa è successo

Nel 2002, Starbucks ha pubblicato questa pubblicità:

cattive pubblicità starbucks
From snopes.com

Che, a causa di 1) due tazze, 2) fili d’erba dalla punta stranamente quadrata che assomigliavano a edifici, 3) libellula zoomante, e 4) copia dell’annuncio “Collapse Into Cool”, ha fatto pensare che Starbucks stesse… scherzando? (o semplicemente così ignorante?) alla catastrofe dell’11 settembre.

Perché ha mancato il bersaglio

Ovviamente è selvaggiamente offensivo. È stata solo un’enorme coincidenza? Non lo so nemmeno io – ancora non capisco la logica dietro questo.

Takeaways

Stai attento al simbolismo che potrebbe essere – intenzionalmente o non intenzionalmente – rappresentato dalle parole o dalle immagini del tuo annuncio.

Panasonic & Woody il picchio

Ecco cosa è successo

Nel 1996, la filiale giapponese di Panasonic ha commercializzato un PC touchscreen con il personaggio dei cartoni animati Woody il picchio come mascotte del marchio.

cattiva pubblicità panasonic
Da lingualift.com

Oh, e lo slogan della campagna? “

Perché ha mancato il bersaglio

E’ probabilmente meglio non usare riferimenti fallici nel tuo marketing. Il fatto che sia stato accidentale ha fatto sembrare Panasonic ancora peggiore.

Takeaways

Assicurati che il messaggio del tuo marchio si traduca bene (e adeguatamente) quando fai affari all’estero.

Turner Broadcasting promuove con un botto

Ecco cosa è successo

All’inizio del 2007, Turner Broadcasting ha fatto installare piccoli dispositivi LED lampeggianti raffiguranti un personaggio dei cartoni animati in 10 grandi città degli Stati Uniti. L’intenzione era quella di usare il guerrilla marketing per creare hype per il prossimo film di Aqua Teen Hunger Force.

turner aqua teen hungerforce bad ad
From geek.com

Perché ha mancato il bersaglio

L’annuncio non descritto ha spaventato la gente, inducendo i bostoniani a chiamare le segnalazioni di quelle che sembravano bombe. Si è scatenato il panico. È stata chiamata una squadra di artificieri. E la gente non era felice.

Takeaways

Non fare annunci che sembrano bombe.

Ma seriamente, quando stai distribuendo o installando esposizioni come parte del guerrilla marketing, sii extra attento. Se c’è una qualsiasi possibilità che faccia sentire i passanti insicuri, eliminala.

Hyundai sminuisce le vittime di suicidio

Ecco cosa è successo

Nel 2013, Hyundai ha pubblicato uno spot nel Regno Unito che essenzialmente diceva: “Le nostre auto sono così sicure che non ci si può nemmeno suicidare.”

Il punto era che la berlina non produce emissioni nocive come le altre auto, e purtroppo i creatori della campagna hanno pensato che un buon modo per far passare questo punto fosse mostrare il suicidio senza successo di un uomo.

Perché ha mancato il bersaglio

Proprio come la Pepsi ha banalizzato i movimenti di giustizia sociale, Hyundai banalizza lo strazio e la devastazione del suicidio. Non puoi essere una persona che ha sofferto di pensieri suicidi – o una persona che ha perso qualcuno a causa del suicidio – e goderti lo spot della Hyundai, ed è per questo che hanno mancato il bersaglio.

Takeaways

Non cercare di forzare il tuo messaggio pubblicitario in questioni sociali se non sono adatte. Suggerimento: probabilmente non c’entrano. Non lasciate che il vostro desiderio di essere eccentrici o intelligenti comprometta seri problemi sociali.

Il CEO di LifeLock vi sfida a rubare la sua identità

Ecco cosa è successo

Nel 2007, il CEO di LifeLock Todd Davis ha pubblicato il suo numero di previdenza sociale su un cartellone e ha sfidato il mondo a rubare la sua identità.

lifelock bad ads
Da wired.com

Torcere la trama che in realtà non è una trama perché tutti se lo aspettavano: molte persone hanno rubato la sua identità.

Perché ha mancato il bersaglio

Non è solo perché questo ha finito per essere un enorme mal di testa per Todd Davis a livello personale. A peggiorare le cose, il fatto che la gente ha effettivamente chiamato Davis per la sua sfida e ha dimostrato che la sicurezza di LifeLock può essere violata, ha reso l’intera campagna dolorosamente imbarazzante per LifeLock e tutte le persone coinvolte.

Takeaways

Non sfidare il tuo pubblico a fare qualcosa che in realtà non vuoi che faccia. La gente scoprirà il tuo bluff, quindi sii pronto a gestire le conseguenze.

Il nostro più grande risultato

Cosa hanno in comune tutti questi risultati? La prudenza. Prudenza. Consapevolezza sociale.

Se non sei sicuro se un annuncio che stai per mettere in giro sia offensivo o meno, chiedi. Chiedete a un estraneo per strada, se necessario. Chiedi a un vicino. Chiedi a un amico. Il mio annuncio offenderà qualcuno? Che tipo di associazioni mentali evocherà il mio marchio?

Se la risposta è meno che stellare, eliminatelo.

Il vostro team ha bisogno di un potente strumento di gestione dei progetti che tutto il team possa usare? Workzone potrebbe essere quello giusto…

Richiedi la demo di Workzone & prezzi